Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


The Skein 'Cities And Eyes'

(Henceforth Records 2009)

Lavoro particolare, “Cities And Eyes”.
Fatto di aspra frammentazione digitale, malinconici sprazzi acustici, ed un'intensissima voce, altalenante fra blues e pulsioni jazz/avant.
Andrea Parkins e Jessica Constable (accordion, effetti, samples, live processing, synth, piano e voce, la prima. Voce ed elettronica; la seconda), sono artiste esperte che si conoscono bene.
Hanno collaborato spesso insieme, sui lavori del sassofonista Ellery Eskelin (e non solo...), e possiedono un'atipica visione comune.
“Cities And Eyes”, è il loro primo progetto come Skein, ed il bersaglio, è in parte centrato.
Spingono forte sull'acceleratore, e ne vien fuori, un bel frullatore d'input.
Entrano ed escono di continuo, da una forma canzone, quasi classica, tirando e strappando, i lembi di una camicia bellina, che si squarcia e lascia intravedere la nuda pelle.
Manipolazione digitale e scatti virtuosistici, che viaggian su coordinate medio alte.
Soprattutto, quando la massa sonora proposta, si stratifica, in una sorta di trip hop, torturato e non ortodosso (Elegy, Orlando In Bayonne, Amble And Fell In, l'angoscia di Backroom/No Introduction, Imnop).
Fra un alto, storicizzato e colto (Robert Wyatt, Julie Tippett e Patty Waters), ed un altro tipo di alto, maggiormente popolare (Beth Gibbons, Björk, e l'incubo/ossessione Nearly God).
La spinta sul versante estremo, tende però a volte, a far sbandare il progetto, infarcendo brani ottimi, di ostica attitudine taglia e cuci, troppo riconducibile, a puro esercizio di stile avantgarde (esempio pratico: l'intensa linea armonica di Ides For Two, inutilmente appesantita da glitch e glurb di rito, che la rendono indigeribile...).
Piccoli aggiustamenti di rotta, potrebbero scatenare un uragano emotivo.
Dipende dalla voglia che avranno di traversar l'insidioso guado.
Originale, sul serio, (probabilmente) prezioso; sul serio (in un futuro, ci auguriam prossimo).

Aggiunto: October 7th 2009
Recensore: Marco Carcasi
Voto:
Link Correlati: Henceforth Records Home Page
Hits: 982
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest