Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


MoHa! ‘One-Way Ticket To Candyland’

(Rune Grammofon 2008)

Dischi come questo dei MoHa! sembrano fatti apposta per mettere in difficoltà i critici musicali. La quantità di spunti sonori contenuti nelle nove tracce di “One-Way Ticket To Candyland” è infatti tale da rendere praticamente impossibile l’affibbiare alla musica del duo composto da Anders Hana (chitarra e tastiera) e Morten J. Olsen (batteria e supercollider3) qualsivoglia etichetta di genere.
Se riuscite ad immaginare un miscuglio di techno, hardcore, industrial, improvvisazione rumoristica e prog, allora siete vicini a comprendere il contenuto di questo terzo album dei due norvegesi. Ostica, spigolosa, durissima, la loro musica è un continuo assalto al sistema nervoso e ai timpani dell’ascoltatore. L’opener It Burns Twice dà il benvenuto (tanto per chiarire subito a che gioco si giocherà) con un fuoco di sbarramento ritmico serratissimo, Sopp På Kugen mescola techno, industrial e improv-noise, Prog-O-Rama è un mirabile esempio di prog-rock schizoide, un frullato di ritmi ed elementi sonori diversissimi (compreso il tema della soundtrack del Batman televisivo), la cui furia è debitrice dell’hardcore più estremo. The Shitman si basa, invece, su un notevole crescendo: parte all’insegna di un elettronica sospesa, muta poi pelle trasformandosi in una sorta di techno marziale (con le solite stilettate rumoristiche) e sfocia in un delirio improvvisato e cacofonico; dopo questa traccia ed il martellare ossessivo della seguente Oh My God It’s Rave, la chiusura del disco affidata a # Outro, con la sua elettronica fluttuante, è un’autentica manna per orecchie e nervi (nonostante il mood del pezzo sia ben lungi dall’essere rassicurante).
Insomma, se “One-Way Ticket To Candyland” non è un capolavoro, gli manca poco davvero.

Aggiunto: November 8th 2009
Recensore: Marco Loprete
Voto:
Link Correlati: MoHa! Home Page
Hits: 561
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest