Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Chaos physique ‘The science of chaotic solutions’

(Jestrai 2009)

C’erano una volta gli Ulan Bator, che chissà che fine hanno fatto, ma per fortuna il loro deus ex machina, quel tale Amaury Cambuzat, non si è dato per vinto, così improvvisamente, e soprattutto con una promozione vicina allo zero ha messo su questo nuovo ensemble, che deve molto tanto al krautrock, quanto alla psichedelia noise, cui il nostro ci ha abbondantemente abituati nella sua precedente vita musicale. Considerate che Cambuzat è entrato, come membro aggiunto, nei Faust quando si esibiscono dal vivo.
“The science of chaotic solutions” è stato registrato nel mitico Red House Recordings di Senigallia ed è molto complesso e se volete anche complicato.
L’approccio al sound dei Chaos physique non è immediato, ma al contrario molto cerebrale, anche se questo disco viene ascoltato al buio e soprattutto a tarda notte, trasmette un’intensità emotiva, che ha un sapore quasi mistico. In queste otto tracce Cambuzat sperimenta molto più di quanto abbia fatto finora, andando ben oltre i canoni del post rock. Curiosa questa sua esigenza, che trova soddisfazione nei meandri di momenti altamente eterei e tribali, ma anche percussivi ed incalzanti. In alcune occasioni il musicista francese preferisce mettere sotto acido le proprie chitarre oppure dare uno stampo epico ad alcune composizioni. Insomma un disco tutto da scoprire e che vi assicuro non vi lascerà indifferenti.

Aggiunto: October 4th 2009
Recensore: Vittorio Lannutti
Voto:
Link Correlati: Chaos Physique My Space Page
Hits: 616
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest