Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Dispositivo per il lancio obliquo di una sferetta ‘Rembrandt era eccezionale (con tutte quelle luci)’

(Ultra Hertz 2009)

Questi quattro romani sanno suonare, conoscono molto bene la musica e lo vogliono dimostrare. Tuttavia, il rischio alla lunga è che risultino un po’ freddini. Tecnicamente ineccepibili nel loro modo di esprimersi con un progressive di questi cazzo di anni zero, decisamente innovativo e che sconfina a volte con il post rock dei Tortoise e nelle perfezioni matematiche dei Battles.
I titoli poi sono di sicuro impatto, ma d’altronde lo stesso nome che si sono scelti non lascia indifferenti. In ogni caso titoli come Sono tempi d’oro per Mastella o Serena Ghandi, non lasciano indifferenti.
Passiamo ad analizzare come scandiscono il loro sound. C’è da fare in primo luogo una considerazione, molto spesso i quattro romani sanno molto bene cambiare ritmica e registro stilistico, così la stessa Serena Ghandi parte con giri circolari per poi intensificarsi con affondi ritmici vorticosi ed irrefrenabili al confine tra certo math cervellotico e l’hard rock. Rembrandt, invece, dopo un inizio incostante con saltelli, accelerazioni, cerebralità assortite, va verso le dilatazioni tanto care ai Tortoise. Per Spada laser fortissimo, invece, i Dispositivo si immergono nel progressive più puro e dimostrano tutta la loro passione per le commistioni con il jazz.
Nel complesso il lavoro è ben confezionato ed ottimamente suonato, quello che manca è una sufficiente comunicativa con l’ascoltatore, dato che troppo spesso i Dispositivo suonano per loro stessi.

Aggiunto: October 4th 2009
Recensore: Vittorio Lannutti
Voto:
Link Correlati: Ultra Hertz Records My Space Page
Hits: 860
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest