Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Margaret Lee ‘E gli uomini vollero piuttosto le tenebre che la luce’

(Autoprodotto 2009)

Mantiene quello che il titolo promette, “E gli uomini vollero piuttosto le tenebre che la luce” di Margaret Lee alias Giacomo Marighelli, concittadino giovane del Vasco Brondi de Le luci della centrale elettrica. Brani che definire urticanti è poco (Benvenuti), testi livorosi (Il lamento del bestiame); Marighelli fa quasi tutto da solo (voci, chitarre, sbuffi di synth), con piccoli aiuti dei sodali Samboela, Luca Martelli e Jumbo.
L’esordio del ferrarese è un CD dal peso specifico importante, tra il succitato Brondi, i primordi quasi rispettabili dell’altro Vasco emiliano (Aspirina potenziale) e canzone italiana andata (a) male (Fausto). Convincente l’escursione “nuova onda” di Può solo peggiorare, buia come i primi Diaframma.
Da seguire (maneggiandolo con cautela): fortunatamente Margaret Lee non è perfetta, ma può solo migliorare.

Aggiunto: October 7th 2009
Recensore: Marco Fiori
Voto:
Link Correlati: Margaret Lee My Space Page
Hits: 843
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest