Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Michael Fiday ‘Same Rivers Different’

(Innova 2009)

Non mi sono sorpreso quando, dopo aver ascoltato il cd Innova contenente musiche di Michael Fiday, ho scoperto che il Nostro è stato allievo di Louis Andriessen. Dal maestro olandese, Fiday ha infatti ereditato alcune importanti caratteristiche stilistiche, le quali sono strettamente collegate tra loro. Una è l’economia dei mezzi usati: Fiday non concede molto al colore − anche se talune combinazioni, come quella tra percussioni e piano nella conclusiva Automotive Passacaglia, sono particolarmente intriganti anche da questo punto di vista − e preferisce puntare sulla struttura dei suoi brani. Questa struttura (e così passiamo alla seconda caratteristica) è insieme chiara ma mai banale: come recita il titolo del brano per quartetto di percussioni che da il titolo all’album, Same Rivers Different, è come se nell’ascolto ci immergessimo in un fiume di note che, pur nel suo scorrere regolare, si modifica gradualmente e insieme modifica anche noi stessi, sì che uscendo dal fiume, ovvero al termine dell’ascolto, non si è più gli stessi di prima. Infine, e questa è forse la caratteristica principale della musica di Fiday, vi è una notevole concentrazione espressiva: ogni singola nota o frase possiede una necessità, è frutto di un’intenzione consapevole, e non può essere sostituita. Fiday eccelle nel caricare di pathos ogni minuta parte, e ciò è particolarmente evidente nei 9 Haiku, pregevoli miniature per pianoforte e flauto, che sono a mio avviso il brano più riuscito di un disco nel complesso piacevole e stimolante.

Aggiunto: August 26th 2009
Recensore: Filippo Focosi
Voto:
Link Correlati: Innova Recordings Home Page
Hits: 570
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest