Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Bogdan Dullsky ‘Freedom Reflex (One)'

(Setola Di Maiale 2008)

Strana proposta quella di Bogdan Dullsky.
Randagia, dubbiosa, obliqua.
Il siberiano Dullsky (attualmente residente in Moldavia...), è un incontro strambo e spiazzante.
In “Freedom Reflex (One)”, si assiste ad un crash bizzarro, che visto dalla nostra angolazione, marcia ed occidentale, suscita singolari accostamenti, nell'improbabile tentativo di render l'idea (un'idea che sia una...).
Flautista e polistrumentista (flauto traverso, piano Rhodes, sequencers, samplers, percussioni acustiche e midi, basso e chitarra elettrici), Dullsky, muove un percorso, che ingloba e digerisce, frammenti etnici, ambient di un'altra epoca, e jazz, in porzioni fusion, e lounge futuribile.
Le cinque lunghe composizioni di “Freedom Reflex (One)”, contengono interventi da parte di: Artem Pustovit, Barandash Karandashich, Alexander Tankeev, Ray Kondrashov, Olga Kondrashov, Oleg Apostol e Jana.
Non perfetto, per nulla, in alcuni passaggi eccessivo, eppure, (sarà per via della provenienza atipica) zampilla fresco e stimolante alle nostre orecchie, nel suo approccio stilistico, che più di un'insidia nasconde (per se stesso, e gli altri...).
Come rinchiudere nella stessa stanza virtuale, il compianto Jorge Reyes e Steve Roach, le composizioni di Artemiev per Tarkovskij, gli ambienti risuonanti di Paul Schütze, una certa angolazione nello sguardo, che avevamo riscontrato negli immensi ZGA (qualcuno li ricorda?...), le catastrofi, pianistico/percussive di Cecil Taylor, e la visione compositiva di Xenakis.
Reso l'idea?
Manco un poco credo, eppure, i risucchi e gli strappi, le sgroppate a rotta di collo, le pause, gli scarti improvvisi e le intrusioni digitali, ci parlano di puro talento.
Da affinare, da preservare, da giocare semmai in sottrazione (potrebbe tramutarsi in incubo vero altrimenti...).
In poche parole, da annusare e seguire con attenzione (in tutti i sensi...).

Aggiunto: August 5th 2009
Recensore: Marco Carcasi
Voto:
Link Correlati: Setola Di Maiale Home Page
Hits: 703
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest