Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Jerrinez ‘La Corte’

(Dizlexiqa/cap06 2009)

Solo chi ama profondamente una città in decadenza e prova rabbia per ciò, potrebbe produrre un disco poetico e gintoso come “La Corte”, quarto lavoro di questo trio milnaese, formatosi nel 2000.
Questo disco può essere considerato a tutti gli effetti un concept album, dato che gli otto brani vengono considerati dal gruppo otto capitoli di un romanzo popolare. La corte è il luogo simbolo della Milano operaia e laboriosa di un secolo fa, ma è anche il rapporto con il potere ed il rifiuto della sua brutalità e della cecità delle autorità precostituite. I Jerrinez sono ben consapevoli della decadenza che sta vivendo la loro città e proprio per questo non la accettano, così hanno deciso che ad ogni acquirente del disco verrà regalato un tulipano per ridare colore a Milano.
Consideriamo poi che questo gruppo appartiene alla tradizione dei centri sociali e delle occupazioni.
Andando alla musica, il lavoro è lodevole, non solo per l’intenzione appena descritta, ma anche per la completezza dei suoni, dato che la rabbia emerge tanto nell’harcore di scuola Kina - Gli aeroplani cadono de La lingua batte, quanto nella sottile ironia, condita ancora di hardcore di Banani . la completezza di questo disco emerge poi nell’omaggio a Miles Davis in 24 Miles , grazie alla collaborazione del trombettista Guido Mazzon, e nel valzer francofono di Bohemien, fino al rock squadrato ed irruente di The bees are running.
Almeno sappiamo che a Milano c’è ancora qualcuno disposto a far risollevare la città e che non si lascia intimidire dalla produttività e dalle infrastrutture a tutti i costi.

Aggiunto: August 23rd 2009
Recensore: Vittorio Lannutti
Voto:
Link Correlati: Jerrinez Home Page
Hits: 725
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest