Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Adelema88 ‘Adelema88 Ep’

(Autoprodotto 2008)

Arrivano dal bergamasco gli Adelema88, duo formato da Davide Galletti (chitarre e voce) e Elena Iovino (batteria). Questo ep omonimo segna il loro esordio, sotto l’egida di Davide Perucchini (già al mixer dei Verdena) e si sente: il suono ruvido da abuso di big muff è fin troppo debitore dei conterranei, ma non solo: distorsioni violente e liriche rabbiose si sciolgono a tratti in rigagnoli psichedelici, anche se la cifra stilistica rimane una sorta di grunge annaffiato dal post – rock.
Enoch è una dichiarazione d’intenti in apertura: chitarre iperdistorte a – là Melvins ululano senza sosta accompagnando il grido di dolore di Galletti. L’Albero Di Eildon svela un cantato fortemente debitore di Alberto Ferrari su un tappetto di distorsioni corposo e possente. Pachiderma è, come suggerisce il nome, un monolite di 10 minuti posto al centro del disco: l’influenza dei Ferrari si fa qui più evidente, ma alla lunga il pezzo risulta pesante da seguire. Lunatik Pandora continua nel percorso verdeniano, virando stavolta verso una maggiore e dimessa oscurità dal sapore quasi post. Galaxy Express è uno strumentale che guarda con più convinzione verso il post – rock ma scade presto nella noia. Tossicomania Aurea riprende il filo del grunge duro e puro mentre la conclusiva Tsugumi Nella Testa piega il grunge alla ripetitività post facendo solo in modo da diluire e appesantire l’ascolto.
Un esordio che non lascia traccia, il debito verso i Verdena è fin troppo spudorato e i tentativi di avvicinarsi alle forme del post – rock danno solo modo di annoiarsi. I synth dovrebbero essere inseriti con più piglio in un discorso musicale che altrimenti non ha niente di memorabile. Urge una virata netta.

Aggiunto: July 26th 2009
Recensore: Marco Pagliariccio
Voto:
Link Correlati: Adelema88 Myspace Page
Hits: 648
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest