Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Made ‘They don’t understand’

(Area Pirata 2009)

I Made non sono un gruppo giovanissimo, in quanto sono sulla breccia da tredici anni, durante i quali hanno prodotto poco materiale musicale, ma in compenso hanno una grande e meritata visibilità tra gli appassionati del mod ed in particolare del brit-rock. Il gruppo, infatti, è partito con un esplicito omaggio a Blur ed Oasis, quando questi due gruppi dominavano sull’isola britannica e non solo, per poi recuperare le origini del brit-pop, vale a dire rifarsi anche a mostri sacri come The Who , Small Faces e Kinks .
In questo secondo lavoro i Made si lasciano andare ad un indie-pop, per certi versi garage puro (Past is a strange place) o con un occhio rivolto alla Svezia (I want it!), ma anche ad un frizzante rock’n’roll, virato p-funk (Just because).
Un gradito ritorno, dato che questo è un pop non fine a sé stesso.

Aggiunto: June 29th 2009
Recensore: Vittorio Lannutti
Voto:
Link Correlati: Area Pirata Home Page
Hits: 1364
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest