Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Les Italiens ‘Verdeluna Dancing Hall’

(Silence/Promotronica/Audioglobe 2009)

L’orchestra Les Italiens è un ensemble di 11 elementi attivo ormai da oltre un decennio. Questo “Verdeluna Dancing Hall” emerge a sei anni di distanza dall’esordio discografico del gruppo e si pone come frutto di una ricerca storico – sociale sul sound delle orchestrine jazz italiane del dopoguerra combinato con l’attenzione per il sound dei club da ballo americani degli anni ’20 – ’30: boogie woogie, swing, tarantella e chansons francofone si mescolano in un disco così fuori dal tempo da inserirsi a pieno titolo nel filone del revival della tradizione artistica degli anni ’50. Buscaglione, il Quartetto Cetra e i jazzisti d’oltreoceano i riferimenti più prossimi alla proposta dell’orchestra fiorentina.
Le dieci tracce portano ognuna anche l’indicazione del ritmo che le cadenza: si spazia dal boogie più classico dell’iniziale Rock And Go a quello latineggiante di Wood’s Boogie, dal foxtrot minaccioso di Un Giorno Me Ne Andrò (accompagnata dalla voce sottile di Francesca Taranto) ai ritmi saltellanti di Dora e Tarantissima, passando per il merengue di Verdeluna e i lenti Un Soire D’Avril (tra chansonnier francesi e lirismo italico), Anne (polveroso lento tra Far West, tarantella e francesismi) e Potevi Dirlo Meglio (canto sottile e amoroso).
Un disco piacevole, che ci riporta indietro a un mondo che nelle canzonette jazzy senza troppi fronzoli cercava una via di fuga alla tragedia della guerra e della ricostruzione post – bellica. Alla lunga forse un po’ stancante, ma assolutamente ben suonato e fin troppo variegato. In tempi revivalistici troverà ampio consenso.

Aggiunto: May 17th 2009
Recensore: Marco Pagliariccio
Voto:
Link Correlati: Les Italiens Official Site
Hits: 573
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest