Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Harth/Irmler/Müller 'Taste Tribes'

(For 4 Ears 2008)

Era dal 1987 che Alfred 23 Harth e Günter Müller non si trovavano a condividere un progetto (dai tempi del quintetto con Phil Minton, Sonny Sharrock e Andres Bosshard, in occasione del Willisau Festival).
Harth nel frattempo, si è trasferito a Seoul, in Sud Corea.
Venti anni dopo, Harth chiama Müller in occasione di un suo viaggio in Germania ed Italia, il passaggio in Svizzera, per qualche registrazione impro è praticamente cosa fatta.
Qualche giorno dopo, segue a ruota un'altra registrazione, come duo, in compagnia di Hans Joachim Irmler presso lo studio dei Faust.
La vacanza termina, ed Harth se ne torna nel suo studio di Seoul.
Mix dopo mix, monta, lima e assembla, in un unico corpo le due improvvisazioni separatamente registrate.
Il risultato è un mostro anfibio, che s'innerva di carica umorale kraut senza passare per la sezione ritmica, e rilascia effluvi impro/industrial, senza gli appesantimenti tipici di genere.
L'organo di Irmler, l'elettronica di Müller ed i fiati di Harth s'incrociano ed intersecano ad altezze diverse.
Ed al posto di una creatura cieca, furiosa e dal passo incerto, Harth genera un' ibrido che si accende e spegne ad intermittenza, rilasciando ogni volta che questo accade, singolari suggestioni.
L'organo crepitante sul finire di Genuine Imitation, i fiati che svolazzano sullo sfondo di Weasel Worlds (fra free notturno e Tuxedomoon riflessivi), la sospensione simil isolazionista di Doubletwist, pozza infetta ribollente e respirazione circolare, i Faust meno quieti e più arty della conclusiva Eruptive Obfuscation (con estratti dal progetto Eruption di Conrad Schnitzler del 1970).
Ok, più che soddisfacente.
Resti di corrieri cosmici gentilmente riesumati dal terreno con un trattore.
Chi ama il kraut, l'elettroacustica, l'impro, l'industrial, il noise e l'ambient più disastrata (leggi isolazionismo...), faccia un giro da queste parti.
For 4 Ears, continua a lavorare a mani nude, e piedi bagnati, su di un cavo ad alta tensione sfrigolante.

Aggiunto: April 21st 2009
Recensore: Marco Carcasi
Voto:
Link Correlati: for4ears Records Home Page
Hits: 626
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest