Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Colorblind ‘Under a Paper Moon’

(Phenix/Irascible/Goodfellas 2007)

Con notevole e colpevole ritardo (l’album è uscito un anno e mezzo fa, nell’ottobre 2007) presentiamo l’album di debutto degli svizzeri Colorblind. Un esordio che spazia in territori folk-pop senza disdegnare fughe in pascoli più strettamente indie, tra melodie cullanti in stile Damien Rice e spruzzate dei primi Turin Brakes, non disdegnando veleggiamenti più orchestrali. Musica tenue, morbida, sobriamente accattivante nel suo essere così carezzevole.
La traccia d’apertura è un saggio di cosa ci aspetta: Anti Love Song è una dimessa e semplice cantata tra lontani echi orchestrali vicini a qualcosa degli Sparklehorse. Only Business si mantiene sulla stessa linea, ma con un ritornello lancinante che si inchioda nella memoria, un potenziale singolo radiofonico. Segue The Fall, cavalcante dall’incedere greve e offuscato quasi slo-core. My Heart Is Grey e Paper Moon fanno coppia nel loro essere oscuri lamenti soffocati nel dolore. Si arriva così a The First Day I’m Not Drunk, la traccia più interessante del disco, che infittisce la trama con trombe e archi che danno respiro orchestrale e una chitarra che sembra cercare il virtuosismo. Always On My Mind scivola via veloce nella sua ossessiva ripetitività, conducendoci a Sell My Soul, malinconia autunnale calda e fiorente.Lullaby sfoggia percussioni quasi tribali prima della conclusiva Kings Of Death, rarefatta e cristallina melodia incastonata in una mare liquido e vibrante.
In definitiva, un album sussurrante, limpido, fatto di pennellate emotive e qualche buon singolo. Un lavoro che si insinua tra le pieghe delle nostre emozioni delicatamente e si lascia amare senza essere invasivo. Niente di trascendentale, ma sicuramente apprezzabile.

Aggiunto: April 13th 2009
Recensore: Marco Pagliariccio
Voto:
Link Correlati: Colorblind Myspace Page
Hits: 885
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest