Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Lucksmiths ‘First Frost’

(Fortuna Pop/Cargo 2009)

Forti di una fama consolidata nell’ambiente indie-pop grazie a una notevole mole di dischi e tour su e giù per il mondo, gli australiani Lucksmiths tornano a quattro anni di distanza dalla loro ultima fatica con questo “First Frost”. Pop delicato e malinconico in perfetto stile Belle And Sebastian, che però non disdegna qualche schitarrata più rockeggiante (California In Popular Song, South East Coastal Rendezvous) che li avvicina a tratti all’indie-rock da classifica e qualche richiamo blues e south (Lament Of The Chiming Wedgebill, l’hammond sfumato di Who Turned On The Lights ?). La fusione perfetta tra queste anime del disco è Never And Always, con chitarre sincopate a-là Bloc Party e leggiadria acustica ariosa con accompagnamento di violini.
Menzione particolare per i testi, assai introspettivi senza essere criptici, in linea con la semplicità del discorso musicale, tra storie di vita, sogni e ricordi che evidenziano il talento compositivo della band (ogni canzone è composta da un diverso membro del quartetto). Da questo punto di vista interessante Song Of The Undersea, che trae spunto dal romanzo breve di John Steinbeck (quello di Uomini e Topi, per intenderci) La Perla, che narra di un pescatore indio che, per pagare il dottore che deve curare suo figlio, scende in fondo al mare a trovare una perla, la quale sarà sì fonte di fortuna per lui, ma anche di estremo dolore.
Un disco rassicurante, in cui trovare rifugio se si è alla ricerca di melodie immediate che al terzo ascolto si stampano in testa e canticchierete tutto il giorno. Un disco che forse accantonerete presto, ma che quando fra qualche anno vi capiterà fra le mani riascolterete con piacere, squarciando le nuvole grevi di un pomeriggio invernale con la soffusa luminosità di un raggio di sole.
I Lucksmiths vanno sul sicuro, senza rischiare nulla, ottenendo come risultato un disco piacevole ma nulla più. Ma come si potrebbe vivere senza un po’ della loro musica?

Aggiunto: March 7th 2009
Recensore: Marco Pagliariccio
Voto:
Link Correlati: Fortuna Pop Home Page
Hits: 577
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest