Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Lip Colour Revolution ‘Lip Colour Revolution'

(Suoni Sommersi 2008)

I Lip Colour Revolution sono un quartetto livornese attivo da ormai 5 anni. Con la produzione del buon Giulio Favero vede la luce questo disco di esordio furibondo e gravido di energia. Il riferimento primario è la scena grunge, con influssi garage, punk e stoner disseminati qua e là a rendere il tutto più movimentato. Il tocco di Favero si sente nella graffiante ferocia delle chitarre, che rende il lavoro non lontano a quello dei Super Elastic Bubble Plastic.
Aprono il disco le distorsioni fuzzettone e il ritmo folleggiante di Smoking May Reduce The Blood Flow And Cause Impotence, quattro minuti di rabbia incendiaria con muri sonori compatti e ben solidi. Canadian Girl allenta un po’ il ritmo, gettando un ponte tra grunge e hard rock zeppeliano. Zebra 3 e The Shape Of Silence sembrano venire dai Pearl Jam incazzati degli esordi. Blind Pig è delirante e infuocata, così come la successiva Germs, portando il disco su territori più garage. Con She Likes To Groove e Vertigo il passo si appesantisce e il flirt con le melodie stoner dei Queens Of The Stone Age meno ispirati in certi passaggi è evidente. Electric Mama ha echi quasi southern, mentre Scirocco si apre come una semplice canzoncina garage, per poi deragliare in un battito sferragliante che schiude una parentesi quasi da dance floor e debordare in un’esplosione folgorante. Force Of Nature è una delicata ballata eterea che smorza la potenza corrosiva del resto del disco. In coda troviamo una lunga ghost track (olte tredici minuti) delirante e variegata, quasi a voler tirare le somme dell’intero lavoro.
Disco interessante, caustico e graffiante, che pur guardando all’hard rock di fine secolo lo reinterpreta sapientemente e con gran piglio. Forse intrappolata su disco la loro musica rende meno di quello che potrebbe dare nel live. Comunque di valore.

Aggiunto: January 30th 2009
Recensore: Marco Pagliariccio
Voto:
Link Correlati: Lip Colour Revolution Myspace Page
Hits: 659
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest