Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Dyve 'Inside'

(Autoprodotto/Alkemist Fanatix Europe 2008)

I comaschi DYVE arrivano con il loro secondo album e con un discreto stravolgimento di line-up che ha riguardato principalmente il cantante.
E la scelta indubbiamente si rivela azzeccata, vista la qualità del metal che ci propongono con 'Inside': un power metal con accenni di thrash e speed davvero ben suonato.
Il fulcro di tutto il disco è chiaramente il chitarrista Ivan Mc Simon, indubbiamente dotato con le sei corde, basta sentire i primi assoli a velocità rompicollo in Addiction e le svisate jazz in Strange Feeling.
Il resto della band lo segue, ed egregiamente anche; i piacevoli vocalizzi di Simone Rossini non possono passare inosservati, anche se dovrebbe curare di più la pronuncia inglese, se non altro per tener fede all'enorme tecnica dimostrata dalla band. Anche i pezzi melodicamente si difendono bene e risultano piacevoli già da subito, da sottolineare anche la ballata Waiting, anche se viene un po' rovinata da delle tastiere non proprio eccelse. I quattro poi osano un po' troppo sulla lunghissima Emotions (in the wind), un tentativo apprezzabile ma non efficace quanto i loro pezzi 'normali'.
Niente da dire anche sulla curatissima produzione; non posso, poi, non sottolineare come i quattro si siano rivolti a un 'consulente' inglese per il controllo ortografico delle loro liriche che infatti, nonostante qualche imprecisione, risultano leggibili, e finalmente! Insomma, un bel disco, acquisto caldamente consigliato per i fan del genere.

Aggiunto: January 23rd 2009
Recensore: Damiano Gerli
Voto:
Link Correlati: Dyve Home Page
Hits: 645
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest