Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Interpol ‘Turn On the Bright Lights’

Poteva una indie attenta e intelligente come la Matador lasciarsi sfuggire la risposta americana ai Doves, e cioè il folgorante esordio degli Interpol? La risposta ovviamente è no. E infatti cosi non è stato, perchè “Turn on the bright lights”, preceduto giusto da qualche ep, è di fatto un grande esordio, di quelli che lasciano il segno e che durano nel tempo. La band prende le mosse da una solida base new-wawe, cogliendo e metabolizzando le espressioni migliori di quel periodo per poi dar luogo a una propria musica densa e affascinate che mostra si legami col passato, ma che manifesta in ultima analisi la propria personalità e soprattutto statura.
La bravura degli Interpol risiede soprattutto nelle capacità non comuni di combinare toni evocativi con un’abiltà compositiva di gran livello.
L’influenza più notevole nel suono stratificato è senz’altro quella dei Joy Division , tanto nella propensione nel creare atmosfere cupe e malinconiche, ma anche e soprattutto nel cantato: impressionante quanto il timbro vocale sia vicino a quello spettrale di Ian Curtis. Ma è facile riconoscere le chitarre (senza virtuosismi però!) dei Television, le dilatazioni care a piccole leggende come Feelies (qualche buon’anima se li ricorda?) e a grandi maestri iper-influenti come Velvet Underground (potevano mancare?). Il tutto molto spesso mediato dal lirismo romantico e decadente degli Smiths. Insomma un bel miscuglio perfettamente equilibrato sopra al quale si ergono canzoni dall’alto peso specifico, che crescono ascolto dopo ascolto e che come si diceva all’inizio sono qui per restare.
Interpol, ricordatevi questo nome.

Aggiunto: October 9th 2002
Recensore: Paolo Scortichini
Voto:
Hits: 1197
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest