Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Steve Peters 'The Webster Cycles'

(Cold Blue Music/Fanzines Distribution 2008)

The Webster Cycles” è opera di bellezza rigorosa.
Sei parti di trombone (eseguite dalla compositrice e performer J.A.Deane), stratificate via overdubbing, in scie di vapore luminoso.
Trenta minuti, per un'unica composizione che, come di consueto in casa Cold Blue, attraversa diverse ipotesi, senza abbracciarne mai nessuna.
Viaggia troppo in alto il suono Cold Blue, per essere identificato e afferrato.
Attimi di stasi beatificante, dove l'ambient ed il jazz, trascolorano nella contemporanea, e i field recordings, si accompagnano al minimalismo.
Dove la connessione fra suono, visione, azione corporea è qualcosa di naturale e congenito.
Ma si è sempre ben distanti, dal riuscir ad irrigidire, nel vuoto gelido di una definizione i lavori editi dall'etichetta.
Troppo cangiante la sua natura.
E la composizione di Steve Peters, con la sua stimolazione acustica, null'altro può che confermare questa regola.
Lavoro scritto fra il 1980 ed il 1981, originariamente concepito per wind instruments e/o voci, “The Webster Cycles” ci appare in questa edizione per sei tromboni come dedica affettuosa per il compositore (trombonista) Stuart Dempster.
Suono vibrante che si produce in sovrapposizioni tonali armoniche.
Ambienti in espansione, giochi di seduzione e consapevole passione.
Nel bio-accumulo fra dodicesimo e tredicesimo minuto, nel baluginare di un riverbero infinito, si svela il cuore nero dell'opera.
Ed è un morso feroce, un sussulto, un contorcersi.
Un ascoltar trafitto di peli che si rizzano al cospetto di un lampo.
Il suono continua a scorrere, il paesaggio circostante rimane immutato.
Negli angoli bui filtra la luce, la polvere balla leggera.
Giunti al termine, il repeat mode apparirà soluzione obbligatoria.

Aggiunto: December 19th 2008
Recensore: Marco Carcasi
Voto:
Link Correlati: Fanzines Distribution Home Page
Hits: 1019
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest