Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Andrea Belfi ‘Knots’

(Die Schachtel 2008)

Ospite dell’italica serie Zenit della Die Schachtel, il nuovo cd di Belfi (per quelli dell’ultima ora: batterista dei ‘modernisti’ Rosolina Mar, anima dei Christa Pfangen con Mattia Coletti e membro dei nostrani Medves) s’incastra nelle coscienze provocando minor senso di dispersione rispetto al precedente capitolo su Häpna. Le vistose distanze con “Between Neck & Stomach” confluiranno all’unisono nella separazione, direi riuscita e intelligente, da amorosi entertainment bucolici, facili prede di un linguaggio derivativo dell’avant-folk-minimalista contemporaneo. Quattro sezioni spoglie del nome concretizzano il mood e i successivi risvolti di una suite intrinseca per la sua globalità, avallata dal rodato set alchemico-strumentale di batteria, percussioni e tessuti elettronici. Belfi raffina il proprio ego per l’essenzialità e una mitigata reiterazione dei tempi e dei ritmi. Attraverso inusuali poliritmie si allacciano e slacciano perennemente materiali eterogenei: ondosità percussive con un nonsoché di Madre Africa mescolate a tempo con i vaporosi ingressi del soggetto elettronico. Pensate se lo spleen post dei Labadford comparisse remixato da Jason Kahn e Günter Müller? Se gli onirici bricolage del brasiliano Didac P. Lagarriga (Un Caddie Reversé Dans L’Herbe per gli amici) suonassero meno solari e più oscuri? O ancora se il fiero-taglio black di Max Roach e Milford Graves diventasse materia di studio prediletta degli affiliati alla Mego?
Dentro “Knots” si scoveranno solo ¼ di queste fantasie, perché ovviamente sono frutto di impressioni unicamente personali. L’unica ipotesi capace di trasformarsi in realtà assoluta è che Andrea Belfi, detto alla spicciola, firma senza ombra di dubbio un lavoro epocale.
Tra i momenti topici dell’elettro-acustica europea di questi anni.

Aggiunto: November 30th 2008
Recensore: Sergio Eletto
Voto:
Link Correlati: Andrea Belfi myspace
Hits: 641
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest