Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Jakob Dylan 'Seeing Things'

(Columbia Records 2008)

Certo dev'essere difficile. Portare quel cognome, s'intende. Dylan. Eppure, il nostro Jakob, figlio del grande Bob e di Sara Lowndes (dalla quale l'autore di Like A Rolling Stone divorziò nel 1977), sia con i suoi Wallflowers, la band che fondò negli anni '80 e con la quale esordì nel '92, con un disco omonimo, è tutt'altro che un musicista dozzinale. Certo, difficilmente scriverà dischi come “Highway 61” o “Blood On The Tracks”, ma questo suo esordio da solista dopo la (momentanea?) separazione dalla sua band, prodotto dal “guru” Rick Rubin per la Columbia Records (che è anche la casa discografica di papà), è un album assolutamente piacevole.
Composto di undici ballate acustiche a cavallo tra folk, country e blues, “Seeing Things” rivela un'artista maturo (Jakob non è più un giovanotto: ha quasi quarant'anni ormai), perfettamente padrone del proprio talento. Certo, non di disco originalissimo si tratta; ma neppure di uno di quegli album fastidiosamente derivativi, in cui riconoscere l'antecedente artistico di una certa canzone è il gioco preferito dell’ascoltatore. Prima vengono i pezzi.
Valley Of The Low Sun, Everybody Pays As They Go, Will It Grow, I Told You I Couldn’t Stop, Something Good This Way Comes, Up On The Mountain e This End Of The Telescope sono altrettante carezze, imbevute di una tenerezza che a tratti declina in malinconia.
Disco di una preziosa semplicità, “Seeing Things” è perfetto per una serata invernale passata davanti ad un caminetto a sorseggiare del buon whisky.

Aggiunto: September 26th 2008
Recensore: Marco Loprete
Voto:
Link Correlati: Jakob Dylan Home Page
Hits: 711
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest