Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Marina Hardy ‘Pink Violin’

(Eh? Records 2008)

Multistrumentista per passione, la Hardy si ‘inzozza’ le mani con una quantità di strumenti illimitata e sovrumana: corde, percussioni, fiati, synth, violino, particelle elettroniche e altro ancora. Da questo punto di partenza, poi, ricava davvero di tutto: venticelli di klezmer e richiami balcanici che convivono con sfuriate di metallo pesante alla chitarra (Cowgypsy e il surf-metal Zoom, moderno pensiero sulla potenza di un Malmsteen alla sei corde); sbuffi immortali di etno-ambient (la space-drone Apple Sauce Pudding può competere con i cavalli di battaglia di Steve Roach con Vidna Obmana e anche Jorge Reyes); elettro-acusticherie etichettate nu-jazz (la progettazione matematico/cibernetica a scalare di Trummpet). Ma anche marcette easy-listening e popolari dove galleggiano riferimenti altrettanto misti: ovvio calore spagnoleggiante per una sfrontata Spanish, exotica sixties e swing da organo ben caldo in Yowsa, tradizione classica del XX° secolo nella ri-scrittura di If Ain’t Necessarily So firmata George Gershwin. La Hardy, al contempo, sa essere straziante e riflessiva: il pianto contemporaneo del solo violino di Ceisel e il mood minimale e stridente procurato da un (fittizio) ensemble accademico in Nnow parlano il linguaggio della complessità e dell’asprezza.
Pieni voti alla performer di Omaha, cara all’entourage sperimentale di Brian Day e soci. Un certo John Zorn ne andrebbe matto.

Aggiunto: September 29th 2008
Recensore: Sergio Eletto
Voto:
Link Correlati: Eh? Records home-page
Hits: 597
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest