Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


MGMT 'Oracular Spectacular'

(Columbia 2008)

Originari del Connecticut, i due MGMT (da leggersi “managment”) ... e ..., propongono una coinvolgente ed originale miscela di pop elettronico e psichedelia. Se riuscite ad immaginare una jam session tra i new ravers Klacson, i Flaming Lips (l'influenza principale), Devendra Banhart, gli Animal Collective ed il loro side project, Panda Bear – con le occasionali partecipazioni di Freddy Mercury, Bee Gees e Chic – allora avete inquadrato un po' questo guazzabuglio sonoro che è “Oracular Spectacular”.
Del resto, basta inserire il disco nel lettore CD e schiacciare il tasto “play” per capire di non essere al cospetto del solito disco. L'opener Time To Pretend, infatti, è un riuscitissimo connubio di psichedelia ed elettronica sporca, contraddistinto da un giro di sinth assolutamente irresistibile. Weekend Wars, invece, rivela ascendenze folk ed una costruzione che richiama alla memoria certi Queen del primo periodo. Sono invece le atmosfere fluttuanti à la Flaming Lips ad impregnare Youth, mentre Electric Feel è una strampalata miscela di Chic, Micheal Jackson, Prince e Bee Gees.
Dopo la contagiosa Kids (con assolo “classicheggiante” di tastiera), approdiamo su lidi decisamente più misticheggianti con 4th Dimensional Man, caratterizzata da un pattern ritmico tribale frenetico e da azzeccatissimi e suggestivi ricami delle tastiere, che talvolta tratteggiano linee orientaleggianti; la coda strumentale è degna della psichedelia più dilatata. Ad ascoltare Pieces Of What, invece, ci si chiede come sarebbe, con il suo sapore retrò, cantata da Devendra Banhart, mentre sulla trascinante Of Moons, Birds And Monsters aleggia ancora una volta il fantasma di Freddie Mercury.
Un disco, insomma, che conferma come la tendenza attuale in campo musicale sia quella della trasversalità, della mescolanza di generi, della (con)fusione di scuole. Ma se in alcuni casi questa ricerca sincretica si traduce in pastiches senza ne capo ne coda, in altri, come nel caso di questo debutto degli MGMT, produce dischi semplicemente irresistibili. Promossi a pieni voti.

Aggiunto: August 3rd 2008
Recensore: Marco Loprete
Voto:
Link Correlati: MGMT Home Page
Hits: 705
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest