Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


AA.VV.'Signal To Noise Vol.4'

(For 4 Ears 2007)

Il quarto appuntamento della serie “Signal To Noise”, si muove (apparentemente) dalle parti di certo riduzionismo sonoro impalpabile ed aereo.
Visione parziale però, l'aggiunta al solito programma allestito dal Signal Quintet del sax di Katsura Yamauchi, provoca crepe e fessure nel suono caricandolo progressivamente di uno spasmodico senso di attesa; lacerato e lacerante.
Ed è forse questa, l'occasione dove lo scambio fra musicisti si plasma in attrattiva pura, l'ego un ricordo sbiadito; inquadrarlo come free jazz cubista/umorale non è sbagliato più di tanto.
Una due giorni di registrazione più materiale tratto dalla serata allo Yamaguchi Center che percorre un territorio infido, fatto di nulla o quasi, però in questo nulla o quasi, alberga una propensione alla pesantezza espositiva degna di un gruppo noise vero e proprio.
Ombroso, seducente ed ammirabile; tre termini che riassumono piuttosto adeguatamente quel che vien proposto in questa sede.
Montante marea droning, scricchiolii e riverberi bassi pesanti come macigni, feedback trattenuti che paion sempre sul punto di sfuggire di mano agli esecutori, un gioco sottile di equilibri precari che vien arricchito considerevolmente dal sax sbuffante/inceppato di Yamauchi.
Gli incastri circolari fra soffio e sfregamento di corde (il contrabasso di Christian Weber), sono il cuore dell'operazione, la risacca elettronica ne è il corpo in pausa, in attesa di uno scatto rabbioso che non giungerà mai.
Siam dalle parti di un John Duncan alle prese con il jazz, riduzionismo più di stomaco che testa dunque, sottile; ma con botta in agguato.
Musica liquida ed opaca, senza centro apparente ma in continua crescita esponenziale (lo splendido secondo brano...).
Se gli improvvisatori (in generale), fossero dotati di un tale e flessibile ego; il mondo sarebbe un luogo più bello dove vivere.
Strepitoso; una delle più belle impro ascoltate ultimamente.
“Signal to Noise Vol.4” è:
Jason Kahn, Tomas Korber, Norbert Möslang, Günter Müller, Christian Weber; Katsura Yamauchi.
Applausi.

Aggiunto: June 30th 2008
Recensore: Marco Carcasi
Voto:
Link Correlati: for4ears Records
Hits: 698
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest