Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

Faq
Feedback
Lista Connessi
Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21 Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

Mail


Gabriele Bellini 'De Revolutionibus Orbium Celestium'

(Lost Sound Records/Alkemist Fanatix Europe/Self Distribuzione 2008)

Il nome di Gabriele Bellini non in effetti uno tra i pi conosciuti nel panorama chitarristico italiano, gi attivo da diversi anni con progetti come Shining Fury (di cui compaiono alcuni membri sull'album) e Hayaena, qui si d al solista.
Cosa vuol dire, che stiamo parlando di uno di quei cd totalmente strumentali e vagamente masturbatori di un chitarrista? Esatto! Roba piuttosto rara da trovare recensita qui sulle onde kathodikkiane. Ma nessuna paura, ch parliamo di un prodotto abbastanza particolare. Infatti 'Orbium' mescola insieme diversi stili, tra virtuosismi flamencheggianti a momenti di metal pesante a cose pi armoniche, Gabriele non si rispamia in quanto a idee e melodie.
Prodotto da s stesso (ottima scelta senza dubbio, visto il risultato) il cd presenta una ventina di tracce, tutte di durate abbastanza ridotte. E se alcune cose funzionano pochino (Phenomenon non mi ha particolarmente colpito), altre son pezzi degni di ascolto attento (la vagamente steve howesca Sensation Seeker, Lumi o la possente Out); il Bellini non si limita alla tecnica per interessare l'ascoltatore, per quanto ne sia ben dotato. Ma lavora sulla melodia, fonde diversi stili tra loro e addirittura arriva a inserire quel pizzico di elettronica che non stona per nulla.
Per quanto, comunque, 'Orbium' non un lavoro che si presti facilmente all'attenzione del grande pubblico, per ovvi motivi, resta comunque un gran prodotto che meriterebbe attenzione da quanti di voi si son annoiati dopo cinque minuti di Patrick Rondat e son pronti ad allargare un po' le menti al di l del solito.

Aggiunto: June 4th 2008
Recensore: Damiano Gerli
Voto:
Link Correlati: Gabriele Bellini Home Page
Hits: 765
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest