Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Davide Mancini 'Madame Gerbelle'

(Autoproduzione/2 Roads 2007)

Ci sono dischi che nascono con le migliori intenzioni ma che poi, per un motivo o per l'altro, si risolvono in un buco nell'acqua. E' il caso di questo “Madame Gerbelle”, opera d'esordio del cantautore Davide Mancini, già attivo nella seconda metà degli anni '80 in progetti come O’Connell Street Band e Celtica e con alle spalle una serie di esibizioni in veste solistica nei locali del nord Italia e di una buona fetta d' Europa (Francia, Spagna, Germania, Irlanda).
Dedicata a Giuseppina Pallais, guaritrice di Saint Christophe (Aosta), e al pubblico valligiano, che da sempre lo segue con generosità ed affetto, l'opera si compone di nove delicate ballate acustiche. L'opener, Maria do Santos, è struggente storia di amore e morte, pesantemente influenzata da ritmi e suoni sudamericani; Canzone per Troisi è un garbato omaggio al grande attore e regista napoletano, che rifugge la retorica grazie ancora alle influenze latineggianti; Tutto Il Problema Del Mondo E' La Vanità è una ballad filosofeggiante nelle cui sonorità pare di scorgere echi del De Gregori epoca “Viva L'Italia”.
La Lauda Del Bardo (che precede il tango di Le Rèves Des Anges) è uno dei momenti migliori dell'LP, grazie anche all'apporto di Ivan Ciccarelli al flauto; La Ballata Dell'Utopista (dedicata alla leggendaria figura di Don Chisciotte) si avvale invece di una bella intro di tromba morriconiana eseguita da Raffaele Kolher.
Dunque sembrerebbe che al disco non manchi nulla: una certa varietà stilistica, arrangiamenti ben calibrati e mai troppi invadenti, parole intelligenti, umiltà... Ma a ben vedere un problema c'è. E si tratta, per un disco, di un problema assai grave: mancano le canzoni. Le ballate di Mancini sembrano infatti soffrire di una sorta di fragilità tutta interiore, per cui faticano davvero ad imprimersi nella mente dell'ascoltatore. Tutto quello che abbiamo qui sono suoni curati, arrangiamenti ben fatti e una notevole dose di garbo nei versi e nell'interpretazione. Ma le canzoni? Le canzoni, dove sono?

Aggiunto: June 19th 2008
Recensore: Marco Loprete
Voto:
Link Correlati: Davide Mancini Home Page
Hits: 690
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest