Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Giardini di Mirò 'Dividing Opinions'

(Homesleep 2007)

Jukka Reverberi, Corrado Nuccini, Luca Di Mira, Mirko Venturelli e Francesco Donadello, ovvero i Giardini di Mirò (nome che, si legge sul sito della band, “corrisponde ad un parco di Barcellona dedicato a Joan Mirò dove qualcuno del gruppo è stato concepito”), possono ormai considerarsi una solida realtà del panorama indie/post-rock italiano. Del resto, è difficile che una band realizzi un disco come “The Rise And Fall Of Academic Drifting” (2001) per caso: bisogna avere alle spalle ascolti giusti, personalità e soprattutto talento per scrivere pezzi come Beauty Tape Rider, Pearl Harbour o Pet Life Saver – giusto per citare solo alcuni dei momenti più significativi di quel lavoro.
Dopo “Punk... Not Diet”, licenziato nel corso del 2003 ed alcuni EP, i nostri ritornano con un nuovo full lenght, “Dividing Opinions”, il terzo della loro carriera lunga ormai un decennio, ed ancora una volta fanno centro. Godspeed You Black Emperor, Slowdive, Blonde Redhead e Sonic Youth le principali influenze del combo, rintracciabili in brani come Cold Perfection, Spectral Woman (entrambe contraddistinte dall'uso di beat elettronici), Embers, July's Stripes, Clairvoyance (uno splendido pezzo arrangiato per chitarra acustica ed archi), Self Help (in cui compare Glen Johnson dei Piano Magic) e Petit Treason (oltre sette minuti di ritmiche tribali e schitarrate à la Sonic Youth).
Il risultato è un disco in grado di coniugare malinconia ed esplosioni rock, sperimentazione sonora e melodia pop, che si pone come la conferma definitiva del talento della band di Cavriago.

Aggiunto: April 1st 2008
Recensore: Marco Loprete
Voto:
Link Correlati: Giardini Di Mirò Home Page
Hits: 720
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest