Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


AnalogicoUrbano ‘AnalogicoUrbano’

(AUpromotion/CNI music 2008)

Il progetto AnalogicoUrbano, nato nel 2006, si sviluppa attorno ad un obiettivo precipuo e particolare: trasporre in musica un racconto breve, “La metropoli, un giorno” (riportato nel “booklet” del CD: storia di solitudine, rabbia e possibile redenzione in una “grande città”).
I tre romani – Emmanuele Margiotta, voce e chitarra nonché autore di musica e testi, affiancato dalla sezione ritmica dei due Angelotti, Massimiliano al basso e Simone alla batteria – suddividono la storia in tre atti, ognuno frammentato in tre tracce (Iª IN VIAGGIO: 1. Viaggio/arrivo in città, 2.Ipnotica, 3. Notte; IIª LA METROPOLI: 4.Metropoli, 5.Associazione libera, 6.Non ho tempo; IIIª LA CURA: 7.Sto cercando la cura, 8.Sanguini, 9.L’ultima danza). Si inizia con una strada notturna, in un paesaggio sonoro che ricorda un po’altri capitolini più stagionati (gli Elettrojoyce): Margiotta scandisce bene le parole erranti con meta di Viaggio/arrivo in città, nella mancanza di luce di Ipnotica. L’incidente stradale che nel racconto pone termine al viaggio/nuovo inizio, in Notte non è nemmeno accennato: si passa già allo smarrimento della convincente Metropoli. Il distacco aguzzo come cocci di bottiglia è amplificato dalla registrazione (effettuata al Melopèa Studio di Roma) e dal missaggio (al Tomato Stage di Ebola), che porta alla memoria i Diaframma di Altrove: e la cifra del secondo atto è proprio quella, anche se il rifiuto del canto di Emmanuele è più dalle parti di Emidio Clementi – curioso come questa vena narrativa appartenga anche ad altri gruppi laziali, come i pur diversi Palkosceniko al neon – che di Nicola Vannini. Ma un certo passato non è solo fiorentino: Non ho tempo risuona metallica e netta come gli Underground Life di “Questo soave sabba”. L’ultima parte, che inizia con Sto cercando la cura, ribadisce la fede dei tre in un discorso sonoro essenziale – la secchezza non arida del duo basso-batteria, molto “wave” in Sanguini – e non corrivo. Aspettiamo (ulteriori) sviluppi.

Per contatti analogicourbano@hotmail.it e su MySpace www.myspace.com/analogicourbano

Aggiunto: April 27th 2008
Recensore: Marco Fiori
Voto:
Link Correlati: AnalogicoUrbano
Hits: 710
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest