Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Dead Elephant 'Lowest Shared Descent'

(Robotradio Records/Donna Bavosa 2007)

Veramente da custodire con cura questo nuovo lavoro dei Dead Elephant, formazione neurotica post hardcore italiana che compete a grandi livelli con i gruppi più blasonati del genere. Nonostante sia praticamente il loro debutto, dopo l'EP "Sing The Separation" del 2005, il trio si presenta già prontissimo, dimostrando sul supporto argenteo un'esperienza davvero invidiabile e una sicurezza ascoltata raramente.
A cominciare da Introducing My Eye, in Flames, passando alla straordinariamente psichedelica Post Crucifixion (grazie alla preziosa collaborazione di Luca Mai, sassofonista degli ZU, "Lowest Shared Descent" urla, strepita, intriga, interessa, vi coccola e vi piglia a martellate in ogni benedetto/maledetto momento. E' roba di gran livello, segno che l'italica penisola in fatto di post hardcore si è ormai talmente raffinata da poterne solo che restare completamente soddisfatti, è superfluo perfino parlare di influenze e derivazioni, tracciare una linea di demarcazione non avrebbe comunque senso. Produzione del disco a cura di Maurizio Borogna, che non risparmia un po' di sano sound sludgecore al trio, soprattutto sui pezzi meno veloci come Clopixol, che infatti vi ricorderà sicuramente qualche vecchio lavoro della formazione di Aaron Carter.
Da non perdere anche una guest voice d'eccezione, su The Same Breath, da parte dell'hulkiano cantante degli Oxbow (che, strana coincidenza, hanno giusto fatto da spalla agli Isis recentemente), Eugene Robinson; voce davvero da manuale che impreziosisce uno dei momenti più belli di tutto l'album.
Preziosissimo anche l'artwork e la custodia, un cd da avere; cresce con ogni ascolto, migliora, diventa sempre più una visione d'insieme su un mondo tetro a luci chiaroscure.

Aggiunto: March 21st 2008
Recensore: Damiano Gerli
Voto:
Link Correlati: Dead Elephant Home Page
Hits: 770
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest