Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Ellen Fullman/Sean Meehan ‘Ellen Fullman + Sean Meehan’

(Cut 2007)

Puntano al buio oltre il sole.
Tre brani registrati nel 2006 in California nello studio della Fullman.
Circonvoluzioni oppiacee dalle parti della risonanza infinita.
Il long string instrument (lsi) utilizzato dalla Fullman è un doppio set di sua creazione di corde metalliche parallele lunghe 14 metri (variabili sino ai 20 ed oltre...).
Azionate tramite sfregamento o pizzico, le corde metalliche del lsi sono esperienza audio/visiva sconvolgente quanto conturbante.
Generatori di risonanza astrale?
Codificatori di segnale da spazio profondo?
Ascoltatevi i suoi incantevoli “Body Music” o “Change Of Direction” (tanto per citarne due); poi ditemi....
Comunque, il lsi della Fullman entra in copula discreta con il rullante ed i cimbali di Sean Meehan (batterista impro stanziale dalle parti di New York), il risultato dell'umidore generato è: sapida sinfonia di sinewaves in orbita ellittica.
Lo stile atipico di Meehan è perfettamente complementare al lavoro della Fullman.
Senza overdubbing o effetti di sorta, i due si impegnano in tre set ascensionali di estatici drones microtonali.
Calore infinito che cova sotto le ceneri, sinestesia allo stato puro, spazio libero per menti aperte, David Toop lo inserirebbe di prepotenza nel suo “Oceano Di Suono” (edizioni Costa e Nolan, se non lo avete fatto cercatelo e leggetelo...).
I cimbali di Meehan costantemente sfregati e sollecitati, una sinfonia metallica e minimale di overtones simili ad un'enorme, immenso; grande piano solitario in fase di riverbero automaticamente innescato dalle dita di Dio.
L'idea dello studio che lentamente si satura di suono è un pensiero che mi lascia salivare copiosamente come un Lama in calore.
Un'espansione, un perdersi.
Rannicchiarsi impauriti al cospetto di un fulmine.
Emanazione organica.
Vi voglio bene; procuratevelo.
Le mie parole in croce avranno allora un senso.
The circle never ends.

Aggiunto: March 16th 2008
Recensore: Marco Carcasi
Voto:
Link Correlati: Cut
Hits: 788
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest