Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Experiment Sound Project 'The miracle in a stranger land'

(Autoprodotto/Kick Agency 2006)

Per quale motivo una band si dovrebbe dare la zappa sui piedi calandosi nei panni di qualcosa che non ha intenzione (o non è in grado) di fare, è qualcosa che francamente non capisco. In questo caso, mi sfugge per quale motivo gli Experiment sound Project col loro primo album mirino a sonorità progressive, quando invece di queste nel disco se ne trova davvero poco e niente. I cinque invece suonano un hard rock con inserti progressive, una sorta di misto tra i Dream Theater più mosci, i vecchi Abissi Infiniti e un minimo di Marillion. Quindi una discreta presenza di tastiere, che raramente s'impongono, chitarre distorte e qualche cambio di ritmo senza eccessi.
Impossibile non sottolineare come Miracle in a stranger land inizi davvero male: eccetto l'introduzione, troviamo tre pezzi molto banali, dalla struttura orrendamente ripetitiva, un continuo di strofa-ritornello che stancherà chiunque si aspettava un minimo di progressive. Le melodie pure non colpiscono di certo, la voce per quanto di timbro non ignobile, non ha un minimo d'estensione, non riesce a trasmettere grandi emozioni e la pesantissima pronuncia italoinglese chiaramente non aiuta.
Per fortuna ci si tira un minimo su con Make It Possible e Where The Heart Is, pezzi leggermente più muscolari in cui c'è anche qualche minimo fraseggio fra chitarre e tastiere. Ma poi si ripiomba nel patetico con la ballata Elena, chiara dimostrazione di come gli Experiment si affoghino in qualcosa che è al di là della loro possibilità, addirittura arrivando a stonare.

Aggiunto: January 31st 2008
Recensore: Damiano Gerli
Voto:
Link Correlati: Kick Agency
Hits: 695
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest