Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Bear Claw ‘Slow speed: deep owls’

(Sick Room/5ive Roses 2007)

Eccoli gli squisiti frutti di tanto seminare del miglior rock indie Usa. Tanta coerenza, libertà artistica e soprattutto l’evitare per principio in maniera perentoria qualsiasi forma di compromesso con il mondo delle major da parte di gruppi come Shellac e Fugazi, ecco che poi stimola a continuare su questa strada gruppi come i Bear Claw. Questo trio, sembra scontato dirlo, ma è di Chicago, è formato dal cantante-batterista Scott Picco e dai due bassisti Rob Raspolich e Rich Fessler. Vi domanderete: ma come non c’è un chitarrista? No, guys, ma state tranquilli i bassi, oltre che pulsare, lanciano fendenti più taglienti e penetranti di sua maestà del noise Steve Albini.
Questo fantastico cd, scusate la mielosità, ma in questo caso me la voglio permettere, dato che il disco è assolutamente esaltante e non ha una sbavatura, è stato registrato proprio nello studio del chitarrista/cantante degli Shellac, l’Electrical studio, prodotto da quest’ultimo e masterizzato dal bassista degli Shellac Bob Weston. Effettivamente con queste credenziali come si poteva pensare che uscisse un prodotto a dir poco perfetto? Il noise chiaramente la fa da padrone, un noise spezzettato e urticante, teso e scivoloso, scandagliato, ma che lascia spazio anche a tonalità melodiche.
In pratica, per semplificarvi la cosa vi suggerisco di pensare ad un supergruppo formato da Shellac, Uzeda e Fugazi, li miscelate, ma non troppo ed ecco i Bear Claw.
Soffermarsi su un brano piuttosto che su un altro, sembrerebbe di fare un torto a quelli non citati, tuttavia mi soffermo soltanto sui nove minuti di Rudimentary understanding che è la summa di questo cd, dato che il trio affonda in maniera superlativo nell’esaltazione noise, in un orgia di rumori finali, talmente ben fatta, che non ti basta mai, la riascolti e la riascolti infinite volte…eccitandoti!

Aggiunto: October 27th 2007
Recensore: Vittorio Lannutti
Voto:
Link Correlati: www.sickroomrecords.com
Hits: 824
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest