Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Carta ‘The Glass Bottom Boat’

(Resonant 2007)

L’austero “post-rock” sciorinato in “The Glass Bottom Boat” dal progetto statunitense Carta (responsabile principale il chitarrista Kyle Monday) ricorda le atmosfere strumentali dei primi Giardini di Mirò (per fare un esempio nostrano e lampante: sentire South Circolar e Oliva), soprattutto negli interventi del violoncello e della tromba.
Gli strumentisti radunati da Monday sono di tutto rispetto: per fare un esempio, in Kavan il piano è suonato da Jared Matt Greenberg e il basso da Sacha Galvagna (già nei Charles Atlas); il violoncello e gli arrangiamenti d’archi sono a cura di Alexander Kort (dei Subtle). Il nucleo che affianca il compositore principale in questo CD è però composto da Jason Perez (chitarrista, tastierista e coautore di Burning Bridges, Simultane e Perdido), Sarah Bell (multitastierista e alla voce nel brano che da il titolo all'album), Raymond Welter (bassista; chitarrista presumibilmente solo in Simultane, visto che in quella traccia il basso è nelle mani di Eli Crews) e Sonny Culbertson (discreto e raffinato alla batteria e alle percussioni).
I dieci brani non si caratterizzano per particolari variazioni o cambi di atmosfera (un po’ più vivace in If Not For You Then Not For Me, dove si sente qualche lontano richiamo “progressivo”), ma sono molto curati e ben suonati (ottimo il lavoro di Eli Crews in studio, capace di “impastare” parti strumentali registrate in periodi anche molto diversi, dal 2003 al 2006).

Visitate il sito della Resonant: www.resonantlabel.com

Aggiunto: October 7th 2007
Recensore: Marco Fiori
Voto:
Link Correlati: The Glass Bottom Boat
Hits: 1549
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest