Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Amorth Duo ‘Nulla Esiste’

(Setola Di Maiale / Pezzente Produzioni 2007)

Ho bisogno di un segno forte, qualcosa che neutralizzi l'assurdo in agguato fuori la finestra.
Qualcosa di disturbante, un impatto onesto con la realtà.
Perfetto.
Due stereo portatili, un altro rotto suonato sui contatti, cd preparati, dei piatti, un archetto; questo è Marino Josè Malagnino (Pezzente Produzioni_Nuova Musica Rurale).
Batteria, piatti, oggetti; questo è Stefano Giust (Setola Di Maiale).
“Nulla Esiste” vaga solitario, un killer a sangue freddo registrato dal vivo all'Hybrida Space.
Periferico per disposizione d'animo, molto poco razionale, un esorcismo?
Sposta masse pesanti non poco, le lascia strusciare, stridere per l'attrito con il pavimento.
Nel frattempo rilegge e traduce lo spazio circostante.
Giust lascia cadere blocchi di suono sincopato in rotta di collisione continua, metalli e legni, cocci di bottiglie rotte sotto i piedi, nevrosi da industria pesante; sudorazione cospicua.
Malagnino rilancia, echi lontani di un ricordo bucolico immaginato per poco, la strada rumorosa più in basso ne ha ragione nel giro di breve, ne resta in piedi l'assenza; e non è proprio rassicurante.
L'incastro incepposo che apre il secondo brano è esemplificativo.
Phil Minton e Roger Turner per disposizione d'animo non son poi troppo distanti, l'emissione vocale/bava sostituita da un riff di chitarra intercettato nell'etere.
Mette a disagio, costringe a soffermarsi; cortocircuita ingegnosamente la consuetudine bolsa dell'ascolto svagato, la intercetta, la placca in presa e la costringe immobile in terra, dopo di che la sostituisce con la propria circolare visione; ed allora son cazzi.
Non c'è via di mezzo, o ti alzi e spegni l'impianto; o gli presti attenzione.
Non ci son cazzi...
Costringe a riflettere.
Non solo semplice impro.

Aggiunto: October 14th 2007
Recensore: Marco Carcasi
Voto:
Link Correlati: www.setoladimaiale.net – www.nuovamusicarura
Hits: 1585
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest