Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Dream Theatre 'Systematic Chaos'

(Roadrunner 2007)

Grandi Dream Theater. Anche a distanza di diciotto anni dal loro esordio (era il 1989 e il disco aveva il titolo suggestivo di "When Dream And Day Unite"), la band di John Petrucci (chitarra), James LaBrie (voce), John Myung (basso), Mike Portnoy (batteria) e Jordan Rudess (tastiere), è ancora in grado di realizzare un album come questo "Systematic Chaos", capitolo numero quattordici (contando anche gli svariati live del gruppo) della sua saga discografica.
La formula è da sempre la stessa: una commistione tra il prog anni ’70 (gli Yes su tutti) ed il metal. Ciò inevitabilmente ha comportato, con il passare del tempo, il venir meno dell’imprevedibilità ritmico/strutturale di un capolavoro come "Images And Words" (1992) in favore di un pizzico di manierismo. Ma quale band, al giorno d’oggi, è in grado di scrivere suite come In the Presence of Enemies - Pt. 1: Prelude/Resurrection e Pt. 2: Heretic/The Slaughter of the Damned, Repetance (la più morbida del lotto, marcatamente pinkfloydiana), Forsaken, The Ministry Of Lost Souls e The Dark Eternal Night, in cui furia metal, barocchismo prog, gusto melodico ed una vena epica si mescolano con disinvoltura, in maniera mai stucchevole? E poi, quale altro gruppo può vantare un tasso di competenza tecnica così elevato, con la chitarra ipervirtuosa e geometrica di Petrucci, le tastiere di Sherinian, e la sezione ritmica duttile e potente di Myung e Portnoy? Risposta: pochi, ben pochi.
"Systematic Chaos", insomma, non sarà il capolavoro assoluto del "Teatro Dei Sogni", ma è certamente un ottimo disco, che non deluderà i fan di vecchia data e potrà conquistarne di nuovi.

Aggiunto: August 27th 2007
Recensore: Marco Loprete
Voto:
Link Correlati: Dream Theater Home Page
Hits: 754
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest