Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Alex Snipers 'Slackness'

(Mammagamma Records 2007)

Tendenzialmente, un disco come questo del bergamasco Alessandro Cecchini, vero nome di Alex Snipers, o si ama o si odia. Le sedici tracce che lo compongono, infatti, si basano su una miscela scheletrica e stralunata di folk, country e blues, un po’ come se Bob Dylan e Neil Young si divertissero ad imitare Syd Barrett e Daniel Johnston (o, almeno nel caso di quest’ultimo, viceversa). Facile, dunque, di fronte ad un’opera del genere, che critici ed ascoltatori si dividano in due categorie: da un lato, i feroci detrattori, quelli che ascoltando "Slackness" pensino ad uno squallido esercizio di solipsismo autoriale (l’umore da home-made records, da disco-registrato-in-cameretta-con-soli-portatile-e-chitarra, aleggia innegabilmente su tutte le canzoni); dall’altro, gli ammiratori sfrenati, che vedano nell’opera di Cecchini un’eccellente saggio di songwriting sgembo e allucinato.
La verità, ammesso che esista, forse sta nel mezzo. Nel senso che tracce come Wasting Time/ Wasting Life, Time To Change, Letter To Scotty Moore, Strange Kind Of Blues, We Are Spinning, The Final Cut o Today-song, sono sì intriganti all’ascolto, ma probabilmente più per la forma che non per la sostanza. Perchè l’approccio amatoriale ed obliquo (la produzione non levigata, il canto e chitarra non sempre intonati – l’approssimazione del tutto, insomma) non cancella il fatto che di canzoni così ne sono state scritte, se ne scrivono e se ne scriveranno a decine; per inverso, ciò non toglie che il lavoro di Snipers risulti a tratti davvero divertente e riuscito, seppure meno originale di quanto non possa sembrare ad un primo ascolto.
Morale: un disco buono, più che sufficiente, ma non il capolavoro che Cecchini probabilmente vorrebbe farci credere.

Aggiunto: August 27th 2007
Recensore: Marco Loprete
Voto:
Link Correlati: La Musica E Tutto Il Resto Home Page
Hits: 730
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest