Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Jeff Marx & Jeff “Siege” Siegel 'Dreamstuff'

(Ayler Records 2007)

Davvero astuta e schietta questa prima session a due tra il sassofonista tenore Jeff Marx e il batterista Jeff “Siege” Siegel, i quali già avevano stretto un melange operativo in un quartetto che comprendeva anche Dave Douglas e John Esposito. L’intesa tra i due è superiore alla media e sorvola con stabilità tutte e dieci le composizioni: partiture che hanno un’origine mista, conglobano scritti individuali e cooperativi dei due protagonisti e cinque siglati John Esposito, pianista cui piace shakerare cocktail con influssi di – Harlem - stride piano, reminescenze swing-bop e ‘parlate’ improv, più attinenti al calare del XX°. Con un simile preambolo si incrementa la curiosità dell’ascolto, per via di cosa possa sbocciare da un duo di sax e batteria, ‘incrostato’ da zone free, con del materiale di un musicista che basa la propria ricerca con una forma - quale lo stride - originata essenzialmente per lo spettro del pianoforte. Per fortuna, lungi essere il jazz un codice espressivo allineato tra rigide convenzioni e ben ne è consapevole la coppia Marx / Siegel che, con non chalance, sciorina decorazioni corpose e spiritual, arie che rivitalizzano la vecchia New Orleans e altre ancora che mirano a canovacci decisamente più radicali (Esposition primeggia su tutte). Vi sono elementi in queste improvvisazioni che riportano in auge Charlie Parker, l’era (più) free di ‘Trane e quella meno etnomusicologica di Don Cherry. Tutto ben intrecciato dentro un unico spettacolo.

Per informazioni:
www.jeffmarxmusic.com
www.jeffsiegeljazz.com

Aggiunto: September 26th 2007
Recensore: Sergio Eletto
Voto:
Link Correlati: Ayler - avant jazz label
Hits: 767
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest