Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Andrew Bird 'Armchair Apocrypha'

(Fat Possum 2007)

Andrew Bird è un songwriter americano che possiamo ascrivere tranquillamente alla categoria dei cantautori pop eccentrici dell’ultimo decennio. Le sue composizioni fondono melodie di prima qualità, orecchiabili ma mai banali, con arrangiamenti assai creativi, cromaticamente molto ricchi, in cui sovente svetta il lavoro del violino (strumento che Bird, prima di darsi alla carriera solista, suonava negli Squirrel Nut Zippers).
"Armchair Apocrypha" è il settimo lavoro solista del nostro e come il precedente "The Mysterious Production Of Eggs" è una raccolta di pop songs di gran classe. Fiery Crash, con lo splendido apporto dell’organo, le aperture melodiche di Heretics affidate al violino, la carica epica di Dark Matter (che occhieggia a certe cose degli U2), la gioiosa Plasticines, arrangiata per chitarra, pianoforte, xilofono e pizzicato di violino; e ancora, il lento pianistico di Armchair (vicina a certe cose del primo Ed Harcourt), la batteria elettronica ed il fischio di Simple X, che, per l’indolenza del cantato e le orchestrazioni, ricorda Rufus Wainwright; la malinconica Cataracts, Scythian Empire, animata dal riuscitissimo dialogo tra chitarra acustica, violino pizzicato e tastiera, la più convenzionale Spare-Ohs e lo strumentale per soli archi Yawny At The Apocalypse, sono piccoli capolavori in cui eccentricità e melodismo classico si mescolano alla perfezione.
Forse superiore per compattezza persino al precedente "The Mysterious Production Of Eggs", "Armchair Apocrypha" è il disco che impone definitivamente il talento di Andrew Bird, cantautore pop raffinato ed intelligente come pochi. Da avere assolutamente.

Aggiunto: July 18th 2007
Recensore: Marco Loprete
Voto:
Link Correlati: Andrew Bird Home Page
Hits: 723
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest