Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Matt Weston ‘Resistance Cruisers’

(7272Music 2007)

Silenzi e battiti; solo dove necessario.
Originale connessione di elettronica ed acustico.
Matt Weston è un batterista di Chicago (residente nel Massachusetts...) con collaborazioni sparse e pesanti, Kevin Drumm, Milford Graves, Le Quan Ninh, Bob Marsh, Jim O'Rourke, William Parker; Ken Vandemark.
Microfoni applicati alle pelli, risonanze spettrali ed assalti furiosi (non troppo, il giusto...), gioco da equilibrista, il silenzio che diventa materia.
Incentrato unicamente sulla batteria, “Resistance Cruisers” è interessante ristampa di un'ultra esaurito lavoro del 2003 che anticipava i temi del suo debutto solista “Vacuums”.
Diciannove veloci minuti che, delineano un universo di stridori sapientemente raffreddati, un panorama alieno concreto; di notevole fascino espressivo.
Battesimo importante anche per la nuova label 7272 che con questo tre pollici inaugura il suo catalogo incentrato sulle nuove musiche (possiede ancora un senso questo termine?).
Gustoso ed originale aperitivo che anticipa la prossima uscita dell'etichetta americana, (sempre tre pollici, sempre Weston, sempre ristampa, “Rashaya”), e, se il buongiorno si vede dal mattino; sarà senz'altro una bella giornata quella che ci attende.
Weston applica allo strumento batteria, un approccio quasi pittorico, radi tocchi dal sapore metallico persi lungo un'autostrada di sottili fluorescenze sintetiche che ne amplificano il pulsare profondo.
Può esser equamente apprezzato sia da chi si ciba di industrial e noise, sia da amanti del jazz più trasversale e scavezzacollo.
Veloce e sincera indagine sul limite questa; infinitamente più affascinante di molte altre opere dal più ampio respiro.
Da qualche parte, nel profondo; uno spettro di Z'EV si agita spasmodico.

Aggiunto: July 2nd 2007
Recensore: Marco Carcasi
Voto:
Link Correlati: www.7272music.com
Hits: 699
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest