Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Fuzz Orchestra 'Fuzz Orchestra'

(Wallace Records/Audioglobe 2006)

Marco Mazzoldi (batteria), Luca Ciffo (chitarra) e Fabio Ferrario (effetti vari) sono i titolari del progetto Fuzz Orchestra, nato nel 2005 con l’intento di produrre, partendo dall’amore per l’improvvisazione più radicale e selvaggia, un rock teso e duro dalle venature noise, basato sul duetto chitarra-batteria, sull’utilizzo di campionamenti provenienti da film e vecchi vinili e su manipolazioni sonore assortite.
L’opening track, Il Potere, ad esempio, è tutta giocata sull’utilizzo di estratti di discorsi di membri del Comitato di Liberazione Nazionale e, per contro, sostenitori del fascismo, adagiati su un tappeto sonoro teso e possente; solo nel finale il suono s’addolcisce, per la comparsa di una canzonetta napoletana. Omissis è un capolavoro di violenza sonora, con la batteria martellante impegnata in una progressiva accelerazione e la chitarra “costretta” a seguirla. Ma ancora meglio fa forse Agosto 80, noise-rock schizofrenico e potentissimo infarcito di manipolazioni elettroniche di imprecisata natura e con i soliti estratti vocali (la notizia - proveniente presumibilmente da un telegiornale - della strage alla stazione di Bologna e la registrazione di una telefonata delle Brigate Rosse). Voci trasfigurate elettronicamente, martelli pneumatici ed interventi poderosi di chitarra caratterizzano La Bestia; Lilimarlene, tra le più brevi del lotto con il suo minuto e cinquantadue di durata, si muove più decisamente sui territori dell’avanguardia. Pattern ritmico minimalista e voce sussurrata sono gli ingredienti distintivi di Transport, che poi sfocia nell’Eclissefuzz dell’ottava ed ultima traccia, la quale, forse proprio perchè la più cantabile dell’intero set, si rivela la più trascurabile della scaletta.
In fin dei conti comunque, all’ascoltatore rimane un gran bel disco, un opera all’insegna di una sperimentazione mai fine a se stessa e mai troppo cervellotica. La sensazione che si ha ascoltandoli è che Mazzoldi, Ciffo e Ferrario possano fare ancora meglio; per il momento, però, ci si può accontentare, decisamente.

Aggiunto: April 19th 2007
Recensore: Marco Loprete
Voto:
Link Correlati: Fuzz Orchestra Home Page
Hits: 819
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest