Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


W.A.Mathieu ‘The Indian Parrot’

(Mutable Music 2006)

Nuovo lavoro per il compositore (ma anche pianista ed insegnante) William Allaudin Mathieu.
“The Indian Parrot” è opera severa e suggestiva.
A Parrot, Three Fish, And A Donkey, apre il tutto ispirandosi all'universalità del poema di Jelaluddin Rumi, uno small ensemble che si muove fra suggestioni cameristiche dal panico sapor medioevaleggiante, voci e percussioni in concentriche evoluzioni narcotiche; rifrazioni classiche in ispirato volteggio.
A giocar la parte degli esecutori troviamo: Devi Mathieu al soprano, Suzanne Elder-Wallace all'alto, Thomas Buckner al baritono, Bob Afifi al flauto alto, Shira Kammen alla viola; Daniel Kennedy alle percussioni e Joseph Kubera al piano.
Gruppo d'eccezzione per un'interpretazione da brividi, un range esteso di voci, percussioni striscianti sullo sfondo; sensazione generale d'innata capacità (e facilità) nel modular la materia tonale.
Affiora a tratti una circolarità spiccatamente medio orientale, gli studi del passato di Mathieu con Pandit Pran Nath ed Hamza El Din che emergono in veste di sottile nebbiolina opalescente; la sacralità atmosferica che aleggia sul tutto.
Che poi non si abbia almeno un'ottima infarinatura d'inglese non è poi un problema insormontabile, si lascia amare dolcemente; è carezza.
Non pare esserci conflitto.
Siamo ad un crocicchio dove s'intersecano diverse strade, classica e contemporanea, spunti affini al jazz ed afrori orientali; musica da camera ed attitudine da colonna sonora.
Una scintillante parata giocosa ma non gratuita.
Che poi è il rischio nel quale si incappa spesso in situazioni analoghe.
Opera intrigante e non tediosa; cura ideale per orecchie troppo stanche.
Immateriali bellezze.

Aggiunto: March 19th 2007
Recensore: Marco Carcasi
Voto:
Link Correlati: www.mutablemusic.com
Hits: 755
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest