Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Lunarsea 'Hydrodynamic Wave'

(Burning Star Records/Alkemist Fanatix Europe 2006)

"A new wave of melodic death-metal has begun": una nuova ondata di death-metal melodico è iniziata, proclamano perentori i Lunarsea, formazione nata dalle ceneri del combo power-prog Hollowearth, dal retro del loro primo full-length album, "Hydrodynamic Wave", uscito l’anno scorso per la greca Burning Star.
Un’esagerazione, indubbiamente. Perchè la band formata da Fabiano Romagnoli (chitarre e synth), Angelo Musmeci (voce), Cristian Antolini (basso), Emiliano Pacioni (chitarra) e Claudio Testini (batteria), propone fondamentalmente un death-metal melodico con contaminazioni power e suggestioni prog; non una cosa originalissima, insomma (che, volendo fare nomi, si può descrivere come una sorta di incrocio tra i Children Of Bodom e gli In Flames); tanto più che gli arrangiamenti tendono a ripetersi per tutte e undici le tracce del disco pressoché senza variazioni e la stessa scrittura dei pezzi sfiora pericolosamente la monotonia.
Nonostante ciò, però, "Hydrodynamic Wave" non è tutto da buttar via. Alcuni spunti interessanti ci sono: Dead End Road, He Walked, con il suo bel solo di synth, Evolution Plan.txt, il ritornello avvolgente di The Smokers (quasi – perdonateci l’eresia - una Love Will Tear Us Apart del death-metal), lo strumentale Onirica Frequencies. E poi i cinque dimostrano di sapersela cavare con i loro strumenti – dote sempre più rara nella musica di oggi: in particolare, risaltano soprattutto gli incroci chitarristici tra Romagnoli e Pacioni, supportati, c’è da dirlo, da una buona sezione ritmica.
Sufficiente.

Aggiunto: March 22nd 2007
Recensore: Marco Loprete
Voto:
Link Correlati: Lunarsea Home Page
Hits: 773
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest