Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Butterflies of Love 'Famous Problems'

(Fortuna Pop 2007)


Mettiamoci l’anima in pace: di gruppi come Velvet Underground and Nico non ne fanno più. Non è che di questi tempi ci sia granché in giro, quindi per non correre il rischio di ricadere nel retaggio più reazionario ed insignificante della storia si corre volentieri il rischio di lanciarsi nei ripescaggi o peggio nella recessione musicale. Con la probabilità di scadere in brani di un’interscambiabilità assoluta. Nel ’65 c’erano i Yardbirds, ma non li ascolta più nessuno quei vecchi babbioni. Comunque non c’entrano nulla con i Butterflies of love. Se sommo un tot di Rem più qualcosa dei Belle and Sebastian e dei Pavement ottengo un suono che si avvicina molto a quello dei Butterflies of Love, gruppo di New Haven, attivo da una decade.
'Famous Problems' ha preso un po’ di polvere sulla mia scrivania, non capisco il perché, visto che mi è piaciuto parecchio. Su www.tinyvoices.co.uk, webzine assai autorevole, ho appreso che parecchi indiepoppers stanno dicendo un mondo di crudeltà sul questo nuovo album. Devono avere un cuore di pietra. Perché i Butterflies of Love sono semplicemente favolosi e soprattutto non hanno nulla da spartire con gli innumerevoli indierockers che darebbero un braccio pur di essere sovraesposti in-questo-mondo-e-quell’-altro.
Si tratta del loro terzo disco inciso per la Fortuna Pop, magnifico frappè di chitarre fluo, impennate garage e ‘floppy lo-fi’, specie in uno degli episodi più ispirati: No moon no sun no stars, niente affatto energetico, biascicato come il cantato di Stephen Malkmus dei Pavement. Conquer every woe è gioiosamente scandita da battiti di mani e chitarre elettriche da far pensare ai primi Oasis. Orbit around you, che contiene in minuta gli echi di Wait for the moon rise (Belle and Sebastian), già singolo, ha la velleità di divenire un innegabile classicone.
Ghostride: mantra intimista di un disco intero. Qualche debole, moscia, pallida traccia minimizza il lavoro che non ci vuole di certo un defibrillatore per ascoltarlo, ma nel complesso merita sette stelle su dieci. Alla fine non vi posso raccontare tutto per filo e per segno. Un consiglio? Andatevelo a comprare o non saprete mai che vi siete persi.

Aggiunto: June 18th 2007
Recensore: Valeria De Stefano
Voto:
Link Correlati: Link Myspace
Hits: 764
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest