Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Mujician ‘There’s No Going Back Now’

(Cuneiform 2006)

Mujician è un progetto che a prima vista potrebbe far tremare i polsi, quattro musicisti pluridecorati in piena zuffa free; potrebbe essere uno schianto al suolo niente male.
Con circospezione ci si avvicina all'oggetto in questione targato Cuneiform (non il massimo dell'acume tattico come etichetta...).
Sorpresa!
Funziona!
Sarà per colpa della classe innata dei coinvolti, Keith Tippett, Paul Rogers, Tony Levin; Paul Dunmall.
Gente che ha suonato con: Alice Coltrane, King Crimson, Mongezi Feza, Peter Brotzman, Derek Bailey, Alan Skidmore, Pip Pyle, Steve Lacy; Joe Henderson ed altri mille nomi che tralascio per questioni di tempo e spazio (infinite veramente le collaborazioni azionate dai quattro).
Il progetto Mujician nasce nel 1988 in Inghilterra in occasione di un live, il nome dell'ensemble trae spunto da una serie di lavori solisti di Tippett per FMP di metà anni ottanta.
Da allora si susseguono sei lavori in studio.
Ora questo “There's No Going Back Now” arriva a confermare la solidità del quartetto.
Piano, sax, contrabbasso e batteria che duellano e si scontrano (non fragorosamente) per 45 minuti di schermaglie impro che, non possedendo più il dono atletico della giovinezza si staccano dalla media grazie ad un approccio molto più morbido (l'età?) e cerebrale.
Composizione spontanea, intricata e stratificata, un'integrazione dinamica fra strumenti dialoganti con notevoli squarci lirici (verso il finale il piano si invola solitario mentre intorno tutto crolla; molto bello.).
Quattro stars che fin quando regge il fiato se la combattono bene, avventurosi e viscerali, straripanti crescendo e silenzi intermittenti; potrebbe anche esser un classico se uno ci crede.
Di un bello senza tempo (paion scollegati dal nostro...).
Casa Cuneiform azzecca un colpo!
Sorpresa!

Aggiunto: January 29th 2007
Recensore: Marco Carcasi
Voto:
Link Correlati: www.cuneiformrecords.com
Hits: 593
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest