Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Library Tapes 'Feelings For Something Lost'

(Resonant 2006)

"Feelings For Something Lost" del duo svedese Library Tapes (David Wenngren e Per Jardsell) è il classico disco che il recensore assennato, quello tutto logica e raziocinio (un piccolo Scaruffi, per intenderci) dovrebbe demolire. L’opera è infatti composta da dodici (brevissimi) bozzetti strumentali all’insegna di un minimalismo romantico, in cui le delicate traiettorie definite dalle tremolanti e stentate note di piano si appoggiano su rumori e crepitii elettronici di vario genere. Tutto qui; nessuna variazione o colpo a sorpresa, nessuna esplosione sonora o virtuosismo, solo composizioni notturne ed atmosferiche la cui disarmante semplicità sfiora lo scheletrico.
Eppure, nonostante tutto, il disco non risulta né noioso ne manierato: anzi, brilla di una luce tenue e soffusa, delicata e malinconica, che riesce nell’impresa di far passare in secondo piano una certa staticità e prevedibilità di fondo dell’opera.
Pezzi come But Now Things Were Different, With Birds Unable To Speak, Leaves Abstract In A Village Plunged Into Mourning (con la collaborazione di Cecile Schott dei Colleen), Shut Your Eyes And You’ll Find The Trees Turning Into Flames o Departures (che si avvale della partecipazione di Erik Skodovin dei Deaf Center), mirano dritto al cuore e fanno centro. Trasudano una malinconia ed una nostalgia impalpabili eppure vivissime, in grado di catturare l’ascoltatore e condurlo in un paesaggio notturno e ventoso, cupo e desolato, fatto di "case abbandonate", luci evanescenti e "ricordi lontani" e dove persino gli uccelli sono "incapaci di parlare".
"Feelings For Something Lost" è, insomma, il classico disco che o si adora come un piccolo gioiello o non dice proprio nulla. Per il sottoscritto vale la prima. Per voi?

Aggiunto: December 19th 2006
Recensore: Marco Loprete
Voto:
Link Correlati: Library Tapes Home Page
Hits: 742
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest