Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Mc2 'A Suonoramystic Path'

(Autoproduzione 2006)

Mc2 è Massimo Ciolli, un bravo chitarrista fiorentino dal morbido tocco jazz con la passione per l’ambient e la sperimentazione avanguardistica. Il risultato di questa singolare varietà di interessi è un disco, "A Suonoramystic Path", per l’appunto, composto di 16 strumentali di lunghezza variabile (si va dal minuto e diciassette di Compass agli oltre otto di Notte 84), in cui i morbidi volteggi della chitarra si stendono su un tappeto sonoro minimalista, fatto di percussioni, sinth, disturbi elettronici di varia natura e voci manipolate e oscure; occasionalmente spuntano a dar man forte al filosofeggiare soffuso della sei corde di Ciolli un sax (Stefano Negri) e una tuba (Riccardo Tarlini).
Il risultato è indubbiamente affascinante: basta ascoltare l’opening track dal curioso titolo di Ex Società di Mutuo Solfeggio Remix, con la sua chitarra blues e le sue folate di disturbi elettronici per rendersene conto; o ancora Alamak, in cui il passo jazzato di Ciolli si accompagna al sax di Negri e al rumore dello scorrere di un corso d’acqua. Per non parlare degli oltre sei minuti e mezzo di Particelle, scandita da una punteggiatura elettronica ridotta ai minimi termini. Pine-Needle e The Chance sono invece contrassegnate da un sinth acido (con la seconda, però, decisamente più aggressiva della prima), mentre Solid Trio potrebbe quasi essere accostato a certi lenti di Barry White, se non fosse per le interferenze elettroniche che disturbano il fraseggio della chitarra.
Insomma un disco complesso, colto, intrigante, ricco di spunti e ben suonato, soprattutto da Ciolli, chitarrista dalla tecnica non originalissima ma indubbiamente elegante ed efficace. Fosse stato più corto, l’album ne avrebbe indubbiamente giovato: ma la logorrea sembra essere una costante delle produzioni musicali odierne, sicché bisogna farci l’abitudine. Rimane comunque tra le mani un buon prodotto. La speranza è che per la realizzazione del prossimo capitolo, Ciolli possa contare su mezzi di produzione più sofisticati: un po’ di smalto in più alle sue elucubrazioni certo non guasterebbe.

Aggiunto: November 29th 2006
Recensore: Marco Loprete
Voto:
Link Correlati: Mc2 Home Page
Hits: 705
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest