Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Dave Fischoff 'The Crawl'

(Secretly Canadian/Wide 2006)

Dave Fischoff appartiene a quella schiera di genietti in grado di realizzare meraviglie con il minimo dispendio di tecnologia e denaro. "The Crawl", esordio discografico di questo musicista originario di Bloomington, Indiana, è infatti interamente costruito attraverso un assemblaggio quasi maniacale di samples di varia natura. Il risultato è un’originalissima (anche se non sempre di facile ascolto) miscela di pop orchestrale, elettronica ed hip-hop, un po’ come se i Postal Service e i Public Enemy si incontrassero per una jam-session e risuonassero, riarrangiandolo, il Brian Wilson dei tempi d’oro.
Il frutto di questa incredibile (con)fusione sonora sono brani come la sontuosa ed orchestrale The World Gets Smaller When You Dream, l’amara Rain Rain Gasoline, la delicata ninna-nanna di Small Drifts o la notevole Suburbs Of Eden, dall’attacco marcatamente rap. Che Fischoff non sia uno sprovveduto, un dilettante allo sbaraglio, lo dimostra anche la cura con cui cesella i brani, alcuni dei quali, come ad esempio Flip Books, contrassegnati da intro strumentali di una certa lunghezza.
Poetico, malinconico, prezioso per scrittura e realizzazione, "The Crawl" è un’autentica perla, che stupisce per coraggio, intensità ed intelligenza, lontana mille miglia dalla statica autoreferenzialità di certa elettronica moderna, tanto intellettuale nelle parvenze quanto poi, a conti fatti, vacua e tutt’altro che nuova. Da ascoltare con attenzione, soprattutto se appartenete alla schiera dei fanatici del vintage, quelli per cui basso, chitarra e batteria va bene sempre e comunque, a priori.

Aggiunto: November 15th 2006
Recensore: Marco Loprete
Voto:
Link Correlati: Secretly Canadian Home Page
Hits: 745
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest