Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Bob Dylan 'Modern Times'

(Columbia 2006)

I "tempi moderni" di Bob Dylan sono tutt’altro che moderni. Rimandano alla musica dei padri, allo swing, al blues-rock, alle ballad in tre quarti - tutto materiale che il menestrello di Masters Of War ha più volte rielaborato nel corso della sua carriera, plasmandolo a proprio piacimento e ricavandone pezzi che ormai fanno parte dell’immaginario collettivo.
Ma perché quel titolo-omaggio a Chaplin? Per autoironia, forse; per sottolineare, con il sorriso sulle labbra, tutto l’anacronismo del disco, il suo essere palesemente fuori posto in un epoca di pop plastificato o di insincera epica rock. O magari si tratta proprio di un commento sarcastico rivolto agli idolatri della modernità a tutti i costi, ai modaioli, quelli per cui "nuovo è bello" a priori. Uno scherzo dunque.
Ma un album di Dylan non è mai uno scherzo. E’ una cosa seria, maledettamente seria. Soprattutto se contiene un pezzo come Workingman’s Blues #2, una ballad-capolavoro in cui rifà capolino l’anima del folk-singer di protesta, in assoluto tra le cose migliori del nostro; o ancora un walzer malinconico come When The Deal Goes Down, con un testo-riflessione sulla mortalità, la tragicità dell’esistenza e "l’oscurità dei sentieri" della vita. Per non parlare di Rollin’ And Tumblin’, un omaggio al grande Muddy Waters e di Spirit On The Water uno swing rilassato, cantato con la solita voce di cartavetro. Più che un disco, insomma, si ha l’impressione di fronteggiare un viaggio a ritroso nel tempo, nella memoria, venato di malinconia e di amarezza: fulminanti, al riguardo, alcuni versi della conclusiva Ain’t Talkin’: "L’intero mondo è colmo di speculazione/ Quel vasto mondo che dicono tondo/ Strapperanno via la tua mente dalla contemplazione/ Danzeranno sulle tue disgrazie quando sarai a terra".
Intendiamoci: "Modern Times" non è un capolavoro. In alcuni momenti Dylan appare così rilassato da sembrare svagato, quasi svogliato; la band, poi, si limita all’ordinaria amministrazione, non supportando adeguatamente mr. Zimmerman mentre declama le proprie visioni. Nonostante ciò, però, questo disco è tutt’altro che da buttar via. Anche se guarda al passato, Dylan non suona mai "vecchio": la sua scrittura è così old-fashioned da apparire confinata in una dimensione tutta sua, che non ha più nulla a che spartire con le classificazioni "passato", "presente" e "futuro" di noi comuni mortali. Un disco di maniera? Forse. Ma se la maniera è questa…

Aggiunto: November 2nd 2006
Recensore: Marco Loprete
Voto:
Link Correlati: Bob Dylan Home Page
Hits: 776
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest