Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Anything But Yours 'Welcome To Karoshistan'

(San Martin Records 2006)

Dopo il loro debutto nel 2004 con "The Doctrine Story EP", ritornano i tedeschi Anything But Yours con il loro hardcore/post hardcore incentrato sulla stupidità umana che brucia tutto e non si ferma mai.
Il qui presente album "Welcome To Karoshistan" è in realtà stato registrato due anni orsono, ma vede la luce in Italia solo di recente con la distribuzione da parte della San Martin (e la Daredevil Records in Germania).
Che i quattro abbiano maturato una più che discreta esperienza in campo si sente quasi subito con la prima canzone dopo la intro Terror Des Hommes: ritmi complessi, riff angolari (Our Serenades) e attacco vocale brutale da tutte le parti.
Quello che però si nota quasi subito è che quando tentano invece qualche incursione in campo più sperimentale, non riescono altrettanto bene e potrebbero finire con l'annoiare. Probabilmente non sono ancora riusciti a trovare un loro modo d'esprimersi in quel senso; ma non è niente di drammatico, visto che di pezzi propriamente post hardcore ce ne sono ben pochi.
Ottima la produzione che fa risaltare il gran lavoro ritmico; nota di demerito invece per l'artwork che sembra davvero amatoriale con testi illeggibili (causa carattere violaceo e sfondo ricamato) e retrocopertina piuttosto sfocata.
Un discreto debutto non particolarmente originale ma comunque interessante; nel frattempo i quattro tedeschi continuano a lavorare su nuovi pezzi e sicuramente risentiremo parlare di loro presto.

Aggiunto: February 10th 2007
Recensore: Damiano Gerli
Voto:
Link Correlati: Homepage band
Hits: 705
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest