Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


John Wolf Brennan ‘I. N. I. T. I. A. L. S.’

(Creative Works 2005)

Ottima occasione questa per avvicinarsi al lavoro del pianista e compositore John Wolf Brennan.
Nato a Dublino ma svizzero d'adozione, Brennan è il perfetto esempio di moderno, curioso musicista jazz (di partenza; gli approdi spesso sono ben altri...).
Brennan possiede un'esperienza invidiabile che lo ha portato a collaborare (tanto per citarne alcuni...) con: Lindsay Cooper, Julie Tippetts, Evan Parker, Paul Rutherford, Chris Cutler, Eddie Prévost, Guillermo Gregorio, Peggy Lee, Fred Lonberg-Holm, Joëlle Léandre, Tim Berne, Elton Dean, Nana Vasconcelos, Peter Hollinger.
Da annotare urgentemente anche la sua partecipazione al quartetto Pago Libre (Arkady Shilkloper, Tscho Theißing e Daniele Patumi), ed ancora; il quartetto Momentum (Christian Wolfarth, Bertrand Denzler e Christian Weber).
Il primo dei due quartetti dedito ad un formidabile lavoro sulla formula/scambio partitura/improvvisazione; il secondo dedito a maggiori furori free.
Purtroppo per una questione (credo...) di diritti d'autore, queste due esperienze vengono tralasciate nel doppio cd in questione, sappiate che; comunque qualsiasi titolo vi capiti a tiro di una delle due formazioni è da AVERE senza chiacchiere ulteriori.
Non dite che non vi ho avvisato dunque.
Fra tutto questo ben di Dio c'è spazio anche per degli ulteriori (colpevoli) vuoti (sarebbe stato un quadruplo cd sennò!), tralasciata (in gran parte...) la sezione dedicata al pianoforte preparato ad esempio.
Comunque dimenticanze a parte questa raccolta è un ottimo cominciare.
Gamma enorme di stili quella padroneggiata, attacchi jazz, divagazioni di origine celtica, cabaret stranito, sconfinamenti dentro un certo modo olandese di sentire (e fare...), marcette popolari europee; inversioni di marcia in odor caraibico ed ancora tanto altro da esser messo a fuoco.
Piace l'aver a che fare con una raccolta cosi complessa e scorrevole, la sofferenza non abita (quasi...) da queste parti.
E' una conoscenza quella che si sta facendo; nessuna aggressione gratuita.
Fra i lavori più piacevoli dell'anno in fase di chiusura (e dal notevole carattere didattico aggiungerei).
Ovviamente consigliato.

Aggiunto: November 6th 2006
Recensore: Marco Carcasi
Voto:
Link Correlati: www.creativeworks.ch
Hits: 874
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest