Create an account Home  ·  Serial  ·  Recensioni  ·  Forum  

Main

. Home
. Ricerca
. Recensioni
. Serial
. Archivio Articoli
. Links

Interfaccia

· Faq
· Feedback
· Lista Connessi
· Consigliaci

Categorie Articoli

· Tutte le Categorie
· 21° Secolo
· Concerti
· Cristalli
· Dvd & Vhs
· Editoriali
· Eventi
· Fanzine Italiane
· Inchiostro
· Interviste
· Labels
· Letture
· March(e)ingegno
· Metropolis
· Monografie
· Note a margine
· Perle Ai Porci
· Teenage Kicks
· Transasia
· Visioni

Informazioni Ed Invio Materiale

Potete inviare:
promo, riviste, demo, fanzine, nastri, scritti, ecc. al seguente indirizzo:

Kathodik
Via Giuliozzi, 15
Postal Code 62100
Macerata
Italy

·Mail


Luxluna 'Borgoapocalisse'

(Anomolo 2006)

Ci sono casi in cui un’opera che ha tutte le carte in regola per risultare un capolavoro, fallisca miseramente l’obbiettivo e finisca col riempire il contenitore, già stracolmo, delle realizzazioni di livello medio(cre). Accade con i libri, con i film e con i dischi. E’ accaduto con questo "Borgoapocalisse" dei Luxluna.
Dunque, tanto per cominciare: Luxluna è il nome dietro cui si celano Marco (voce, chitarra, tastiere) e Paolo Fagotti (piano, tastiere), Alessandro Nardi (basso, tastiere, chitarra) e Archelao Macrillò (batteria, percussioni), tutti provenienti da Ancona. Il progetto risale alla metà degli anni ’90 e produce, nel 2002, un disco, "Transfert", pubblicato per l’Anomolo, in occasione dell’inaugurazione dell’etichetta. Come il precedente 'Io Ricordo Tutto', anche "Borgoapocalisse" è un concept album. Le dieci canzoni che compongono il disco, infatti, raccontano delle vicende di altrettanti personaggi che popolano l’immaginario Borgoapocalisse, "un paese abitato da persone comuni intente a fare cose comuni, a condurre il più in là possibile la propria vita", come recita il prologo contenuto nel libretto allegato al CD – dimostrazione ulteriore delle pretese alte, quasi letterarie, del disco.
E così i testi di Marco Fagotti raccontano di prostitute rumene (Bambolina), spazzini-filosofi (Kant), consumatori ammalati di shopping (Astinenza), vigili urbani in crisi d’identità (Fuggitivo), sindaci spremicontribuenti (Le Campane Nuove), adolescenti innamorati degli SMS ( :)) e maghe ruspanti (Maria Dell’Apocalisse). Il sottofondo musicale - se così lo si può definire – spazia dalle sonorità baltiche (Bambolina) al punk-funk ( Il Torto E La Ragione), passando per il tango (Fuggitivo) ed il folk (Maria Dell’Apocalisse); l’aspetto più marcatamente sperimentale dell’operazione è ben esemplificato, invece, dallo strumentale Zappertic, in cui un flusso televisivo sconnesso si innesta su un delicato ricamo classicheggiante di piano, squassato poi da un beat elettronico. Ricapitolando: impegno, eclettismo e sperimentazione. Eppure…
Eppure c’è qualcosa che non va. Difficile dire cosa sia, fatto sta che il disco non appassiona, non trascina, non riesce proprio ad infiammare. Fagotti ed i suoi ce la mettono tutta per dimostrare di essere bravi ed intelligenti, ma alla fine non conquistano – un po’ come i primi della classe che studiano e prendono otto, ma non hanno genio, solo volontà e buona memoria e che sono decisamente meno simpatici del cialtrone che, se si applicasse un po’, prenderebbe tutti nove.
Decisamente, insomma, non siamo al cospetto dei Cccp, dei Massimo Volume o degli Offlaga Disco Pax: ci troviamo invece di fronte ad un buon gruppo con buone potenzialità, ma incapace, per un motivo o per l’altro, di far suo il cuore dello spettatore o di colpirlo allo stomaco. Il voto sufficiente, perciò, è sulla fiducia, in attesa che il prossimo disco sciolga definitivamente il mistero e ci faccia capire se la musica dei Luxluna valga la pena o no di essere ascoltata.

Aggiunto: November 15th 2006
Recensore: Marco Loprete
Voto:
Link Correlati: Luxluna Home Page
Hits: 974
Lingua: italian

  

[ Torna Indice Recensioni ]
 
Privacy Policy

Web site powered by PHP-Nuke
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest